Donna Moderna
FocusJunior.it > Comportamento > Il mio papà è in cielo

Il mio papà è in cielo

Stampa

Mio papà è morto quando ho compiuto 1 anno. Piccola com’ero non ci capivo niente ma ora i miei compagni, durante gli esercizi sulla famiglia, mi prendono in giro domandando solo cose sul papà. Io mi faccio forte e mi trattengo, ma è un dolore grande. Che fare? Ti prego dimmelo! EliStarFocus

Andrea dice che...

Anche mio papà è in cielo. Non ero piccolo come te quando è successo, ma penso come te che sia un dolore grande. Talmente grande che alcuni, come i tuoi compagni, non sanno come maneggiarlo e magari, per imbarazzo o disagio, ci scherzano su. Prova a spiegare loro che così ti fanno soffrire. Sono sicuro che molti smetteranno di prenderti in giro e magari troverai anche qualcuno con cui parlare di lui. A me, ad esempio, mi piaceva farmi raccontare da mia nonna un po’ di storie sul nonno, che non ho mai conosciuto, e ancora adesso chiedo a mia mamma qualcosa su mio padre, che magari non so o non ricordo. La parola infatti può essere un modo per continuare a far vivere una persona. Per te che non hai avuto tanto tempo per stare col papà, potrebbe essere anche un modo per conoscerlo meglio: perché non provi a farti raccontare, armata di microfono e registratore come una vera reporter, qualcosa di lui da tutte le persone che lo hanno conosciuto?