Donna Moderna
FocusJunior.it > Barzellette > Dieci barzellette…Acquatiche!

Dieci barzellette…Acquatiche!

Stampa
Dieci barzellette…Acquatiche!
Pixabay

Facciamoci quattro risate con dieci barzellette sugli animali acquatici!

Marta e Pierino sono in fila per entrare al cinema e lei chiede a lui: “Sai qual è la creatura del mare che vorrebbe lavorare nel mondo del cinema?” “No, quale?” “La stella marina.”

“Che cosa dice mamma polpo al suo figlioletto?” “Dammi la mano, dammi la mano, dammi la mano, dammi la mano, dammi la mano, dammi la mano, dammi la mano, dammi la mano.”

Due fratelli stanno pescando in riva al mare e uno chiede all’altro: “Perché i pesci non vanno a scuola?” E il fratello risponde: “Perché arriverebbero in classe con i libri bagnati.”

Splash!

Una rana passeggia sulla riva di un laghetto quando all’improvviso inizia a piovere. La rana corre subito verso l’acqua e si tuffa esclamando: “Giusto in tempo! Stavo per bagnarmi.”

Due amici stanno visitando un acquario. Uno dice all’altro: “Sai perché quei due pesci sono perfettamente uguali?” L’amico ci pensa un po’, ma non gli viene in mente nulla. “Non lo so” risponde. “Perché?“Semplice: sono i-dentici”.

Al tavolo di un ristorante, un padre chiede a suo figlio: “Di tutti i pesci, sai qual è quello che fa shshhhhhhh?” “Quale?” “Quello che frigge in padella.”

In una scatola, una sardina dice a un’altra: “Odio i viaggi organizzati”.

Dentro una boccia d’acqua due pesci discutono tra loro di temi filosofici guardando verso la superficie: “Ma secondo te, Dio esiste?” chiede uno. E l’altro: “Certo che esiste! Altrimenti chi ci cambierebbe l’acqua, chi farebbe piovere cibo dal cielo?”

Sotto il mare, tra gli scogli, due pesci amici parlano tra loro: “Accidenti, urto sempre contro queste rocce” fa uno. “E come mai?” chiede l’altro. “Bé, perché non so frenare sul bagnato.”

Giacomo sta visitando l’acquario comunale con suo padre. A un certo punto gli chiede: “Papà, ma perché i pesci sono muti?” E il padre imbarazzato, dal fatto di non sapere dare una risposta: “Ehm, tesoro, provaci tu a parlare con la bocca piena d’acqua!”