Donna Moderna
FocusJunior.it > Animali > Siberia: scoperta testa di lupo gigante del Pleistocene

Siberia: scoperta testa di lupo gigante del Pleistocene

Stampa
Siberia: scoperta testa di lupo gigante del Pleistocene
Ipa-agency

L'erosione del permafrost siberiano ha rivelato i resti perfettamente conservati di un'enorme lupo vissuto almeno 30.000 anni fa. E mentre gli scienziati continuano a studiare questo tesoro del passato, alcuni fan hanno lanciato una petizione per chiamare l'animale preistorico come un personaggio comparso in una celebre serie TV...

In Siberia l'assottigliamento del permafrost - il suolo perennemente ghiacciato minacciato dal cambiamento climatico - ha riportato alla luce una testa di lupo gigante con muso, peluria, zanne e perfino il cervello perfettamente conservati dall'azione "eternatrice" del ghiaccio che li ricopriva.

DALLA SIBERIA AL GIAPPONE

Sebbene la notizia abbia fatto il giro del mondo soltanto negli ultimi giorni - il primo media a parlarne è stato il The Siberian Times  - la scoperta risale a più di un anno fa, quando un curioso abitante della zona di Abyjskij (Russia siberiana orientale) notò una strana forma nel terreno, proprio dove il ghiaccio eterno stava venendo meno.

Ora però l'importantissimo reperto è stato rivelato alla comunità scientifica in occasione dell’apertura di una mostra dedicata ai mammut e altri animali preistorici che si sta tenendo al Miraikan, il Museo Nazionale della Scienza emergente e dell’Innovazione di Tokyo.

UN "MOSTRO" DEL PASSATO

Stando alla valutazione degli esperti, il lupo gigante siberiano proviene dal Pleistocene, l'ultima epoca geologica precedente a quella in cui stiamo vivendo, ma sebbene molti giornali abbiano riportato la notizia della sua scoperta datando il reperto a circa 40.000 anni fa, alcuni studiosi invitano ad una maggiore cautela, visto che altre stime collocherebbero la vita dell'animale a "soli" 30.000 anni fa.

Sia come sia, i paleontologi concordano nell'affermare che il mammifero perì intorno ai 2-4 anni di vita, quando ormai lo sviluppo verso l'età adulta era completo, e che le misura della testa - ben 40 cm di lunghezza - fanno presupporre dimensioni molto maggiori rispetto a quelle dei lupi moderni.

Ma se la testa si è conservata così bene, dov'è finito il resto del corpo? Questa è una delle grandi domande cui dovranno rispondere i ricercatori (in queste ore si fa largo l'ipotesi che il capo possa essere stato mozzato da un "nostro" antenato cacciatore) con analisi del DNA e studi approfonditi su ossa e tessuti molli.

Da queste risposte potremo anche trarre importanti informazioni per svelare il cammino evolutivo che ha portato ai cani (e ovviamente ai lupi) che vediamo oggigiorno.

LA PETIZIONE PER IL NOME

Mentre gli esperti si scervellano sui segreti nascosti dai resti del lupo gigante, gli appassionati della nota serie TV Games of Thrones ("Il Trono di Spade) hanno lanciato una petizione online per poter scegliere il nome da dare alla creatura preistorica cos molto simile ai grandi "metalupi" che compaiono nei libri e negli episodi della saga fantasy giunta alla sua conclusione proprio qualche settimana fa.

Il nome scelto dai fan, Andy, però non appartiene ad alcun personaggio principale: Andy McClay è infatti una delle tante comparse usate nel corso delle varie stagioni per inscenare le grandi battaglie della serie ed è diventato famoso perché - contrariamente a molti protagonisti - i personaggi senza nome da lui interpretati sono sempre riusciti a sopravvivere a tutti quei bagni di sangue!