Donna Moderna
FocusJunior.it > Animali > I mammiferi stanno diventando notturni per evitare il contatto con l’uomo!

I mammiferi stanno diventando notturni per evitare il contatto con l’uomo!

Stampa
I mammiferi stanno diventando notturni per evitare il contatto con l’uomo!
Ipa-agency

Gli animali che vivono più vicino all'uomo stanno diventando sempre più "nottambuli" per ridurre la possibilità di essere disturbati

Noi umani stiamo stressando l'ambiente che ci circonda, tanto che molti mammiferi hanno cominciato a modificare le proprie abitudini pur di non incontrarci.

Questo è il succo dello studio pubblicato su Science da alcuni ricercatori dell'Università di Berkeley, in California, i quali hanno osservato i comportamenti di 62 specie diverse (attraverso 76 studi correlati) per poter comporre un quadro completo della situazione nelle zone limitrofe a grossi insediamenti umani.

Le nostre attività infatti stanno costringendo molti mammiferi a diventare sempre più notturni, così da non essere disturbati mentre cacciano o cercando cibo. Per fare ciò, questi animali stanno progressivamente alterando il proprio ritmo di sonno-veglia, allungando le ore passate a riposare a riposare in modo da essere attivi proprio mentre noi umani siamo a dormire nei nostri letti.

Un esempio riportato dai ricercatori è quello del coyote, continuamente disturbato da escursionisti o amanti del rally, che ha iniziato a cacciare di notte anziché di giorno.

Di notte s'incrociano molte meno macchine!
Credits: Ipa-agency

Tutto ciò è un bene?

Se da un lato simili strategie comportamentali favoriscono l'integrazione di due sistemi, quello umano e quello animale, che così cessano di interferire l'uno con l'altro, seguendo un diverso punto di vista si potrebbero venire a creare risvolti poco auspicabili: se una preda infatti iniziasse a vivere sempre più di notte per evitare l'uomo, esse avrebbe molte più opportunità di venir cacciata dai tanti predatori notturni.

Ciò potrebbe portare un certo squilibrio e addirittura compromettere l'esistenza di alcune specie!

 

ULTIME NEWS