Focus.it

FocusJunior.it

FocusJunior.itAnimaliAnimali straniIndonesia, è stata riavvistata l’echidna di Attenborough!

Indonesia, è stata riavvistata l’echidna di Attenborough!

Stampa
Indonesia, è stata riavvistata l’echidna di Attenborough!
BBC/ Getty Images

Alcuni scienziati hanno filmato sulle Montagne dei Ciclopi, in Papua Nuova Guinea, un'echidna dal becco lungo, una delle specie di questo insolito mammifero che si credeva estinta

Una spedizione in Indonesia condotta da ricercatori dell’Università di Oxford ha registrato quattro video di tre secondi ciascuno che ritraggono l’echidna dal becco lungo di Attenborough (Zaglossus attenboroughi), un mammifero che si credeva estinto da tempo.

Perché l'echidna è chiamata "fossile vivente"?

Spinose, pelose e con il becco, le echidne sono state chiamate “fossili viventi”. Si pensa che siano apparse circa 200 milioni di anni fa, quando i dinosauri vagavano sulla Terra. Fino ad oggi la sola evidenza dell’esistenza di questa particolare specie, il cui nome scientifico è Zaglossus attenboroughi, era un esemplare conservato in un museo di un animale morto decine di anni fa. «Ero euforico, tutto il team lo era», ha detto il dottor James Kempton alla BBC News parlando del momento in cui ha ripreso l’echidna di Attenborough con la sua telecamera. «Quando l’abbiamo vista ci era rimasta l’ultima card (la scheda di memoria della telecamera, nda), l’ultima telecamera ed eravamo all’ultimo giorno della nostra spedizione». Il dottor Kempton ha detto di aver avuto una corrispondenza con Sir David Attenborough sull'avvistamento del mammifero e che questi ne è stato “incredibilmente lieto”.

La spedizione in Papua Nuova Guinea ha permesso di scoprire l'echidna Attenborough, nuove specie di insetti e rane

Kempton, biologo dell’Università di Oxford, ha guidato un team multi-nazionale in una spedizione di un mese che ha attraversato tratti prima mai esplorati delle Montagne dei Ciclopi, in Papua Nuova Guinea, una foresta pluviale situata a 2.000 metri sul livello del mare. Oltre a trovare “l’echidna perduta” di Attenborough, la spedizione ha scoperto nuove specie di insetti e di rane, e ha osservato  popolazioni di canguri arboricoli e uccelli del paradiso.

L'echidna è un mammifero che depone uova

A parte l’ornitorinco, l’echidna è il solo mammifero che depone uova. Delle quattro specie di echidna, tre hanno il becco lungo come l’echidna di Attenborough, e l’echidna dell’ovest è considerata in serio pericolo di estinzione. Le precedenti spedizioni alle Montagne dei Ciclopi avevano scoperto tracce, come “colpetti di naso” nella terra, che dimostravano che l’echidna di Attenborough là era ancora in vita. Ma i ricercatori non erano stati in grado di accedere ai luoghi più remoti delle montagne e di fornire definitivamente la prova dell’esistenza di questo mammifero.

L'altro esemplare di echidna di Attenborough è conservato in un museo 

Negli ultimi 62 anni l’unica prova dell’esistenza dell’echidna di Attenborough è un esemplare conservato nella Stanza dei Tesori della Natura del Museo nazionale di storia naturale dell’Olanda.
L’importanza di quell’esemplare divenne chiara soltanto nel 1998, quando i raggi X rivelarono che non era un individuo giovane di un’altra specie di echidna, ma era totalmente sviluppato e diverso. Fu allora che la specie fu nominata in questo modo da Sir David Attenborough. «Quando fu scoperta, la gente pensò che forse si era già estinta perché questo era l’unico esemplare», spiega Pepijn Kamminga, direttore del museo. «Il nuovo avvistamento è una notizia incredibile».

La spedizione scientifica sulle Montagne dei Ciclopi alla ricerca di nuove specie

Le Montagne dei Ciclopi sono ripidissime e pericolose da esplorare. Per raggiungere i punti più elevati, dove l’echidna è stata trovata, gli scienziati hanno dovuto scalare stretti crinali ricoperti dal muschio e dalle radici degli alberi, spesso sotto la pioggia, con dirupi a strapiombo su entrambi i lati. Due volte durante la loro scalata le montagne sono state scosse da terremoti. Una volta che gli scienziati arrivarono alle parti più alte delle Montagne dei Ciclopi, fu chiaro che le montagne erano piene di specie assolutamente nuove per la scienza. «I miei colleghi ed io gongolavamo» dice Leonidas-Romanos Davranoglou, uno specialista di insetti greco.

Le Montagne dei Ciclopi (Papua Nuova Guinea) sono ricche di specie endemiche

Durante la spedizione sono state scoperte nuove specie di insetti, oltre a un nuovo genere di gamberetto che vive tra gli alberi e a un sistema di caverne finora sconosciuto.
Gison Morib, un conservazionista di “Yappenda”, associazione locale non-profit, partner dell’Università di Oxford nella spedizione, ha detto: «La vetta dei Ciclopi è veramente unica. Dobbiamo proteggere queste montagne. Ci sono così tante specie endemiche che non conosciamo!»

Le Montagne dei Ciclopi (Papua Nuova Guinea) sono considerate sacre

Le precedenti spedizioni hanno faticato per raggiungere i luoghi delle Montagne dei Ciclopi dove le echidne vivono a causa delle popolazioni locali che che considerano queste montagne sacre. Ma questo team ha lavorato a stretto contatto con le popolazioni locali, accettando che vi fossero alcuni luoghi in cui non potevano andare e altri da attraversare in silenzio.
Kempton spera ora che l'avvistamento dell’echidna e la scoperta delle nuove specie possa rappresentare l’argomento fondamentale per la conservazione nelle Montagne dei Ciclopi. Nonostante sia in grave pericolo di estinzione, l’echidna di Attenborough non è attualmente una specie protetta in Indonesia. Gli scienziati non sanno di quanti individui possa essere composta la popolazione.
«Dato che molto di quella foresta pluviale non è stato esplorato, quanto e che cosa ancora non è stato ancora scoperto? L’echidna di Attenborough è un simbolo di quali specie siamo in dovere di proteggere e di garantire che possiamo farlo».

Fonte: BBC

CATEGORY: 1