Tutto sulle formiche: caratteristiche, comportamento e popolazione

Le formiche sono tra gli insetti più abbondanti in natura e svolgono un ruolo ecologico fondamentale nell’habitat in cui vivono. Come ogni altro insetto, possiedono tre paia di zampe e il corpo è diviso in testa, torace e addome. Sulla testa sono presenti due antenne e mandibole robuste che in alcuni casi le rendono temibili rivali per altri insetti. Comparse la prima volta oltre 100 milioni di anni fa, attualmente non si conosce il numero esatto di specie di formiche esistenti, ma all’ultimo conteggio le specie valide sono risultate 12.643, che sommate a quelle su cui è ancora aperto un dibattito scientifico si arriva a circa 15.000.

Caratteristiche

Appartengono all’ordine degli Imenotteri come api, vespe e bombi, e sono diffuse quasi in ogni angolo del mondo, basta dare un’occhiata alla mappa interattiva delle formiche dell’Università di Hong Kong, da cui risulta che mancano solo in Islanda, Groenlandia e in un piccola porzione di Canada. Ai climi freddi preferiscono le regioni tropicali e si adattano perfettamente anche alle temperature infuocate dei deserti.

Le possiamo incontrare praticamente in ogni ambiente terrestre tra cui prati, boschi, alta montagna, nelle zone fluviali e paludose. In Italia vivono 258 specie, bazzecole in confronto alle 1.482 dello stato australiano del Queensland, la regione con più specie di formiche al mondo.

La formica appartiene all’Ordine degli Imenotteri
Credits: Pixabay

Sono animali sociali che danno vita a colonie formate da pochi individui fino a milioni di formiche che convivono pacificamente e con estrema efficienza grazie a una elevata organizzazione sociale.
In una colonia, infatti, le formiche sono divise in caste in base al tipo di mansioni da svolgere: la regina depone le uova, i maschi servono per l’accoppiamento, i soldati sono incaricati della difesa del nido e le operaie svolgono tre compiti principali secondo Lauren Keller, biologo dell’Università di Losanna: puliscono, procacciano il cibo e si occupano delle uova fino a sviluppo completato.

Comportamenti

La collaborazione tra i singoli individui è alla base del successo evolutivo di questa società. Per attirare un partner durante il periodo degli accoppiamenti, segnalare un pericolo, indicare la strada alle compagne per raggiungere una nuova fonte di cibo e, in generale, per comunicare con gli altri membri della colonia le formiche utilizzano dei segnali chimici chiamati “feromoni”. Queste sostanze sono prodotte da diverse ghiandole sparse per tutto il corpo e vengono percepite attraverso le antenne sottili e mobili.

La comunicazione olfattiva tra questi piccoli insetti è così dettagliata da permettere alle formiche di coordinarsi per trasportare carichi più pesanti di un singolo individuo. Per riuscire ad alzare e portare al nido una preda pesante alternano il lavoro di squadra a momenti in cui una formica prende l’iniziativa per tutto il gruppo: due “forze in perfetto equilibrio”, suggerisce uno studio pubblicato su Nature Communications e basato sulle formiche tropicali e subtropicali Paratrechina longicornis.

Per le formiche, la collaborazione è tutto!
Credits: Pixabay

Un ottimo livello di collaborazione è richiesto in ogni formicaio, che sia permanente oppure nomade, ma recentemente gli scienziati hanno scoperto che in realtà una buona parte di formiche non fa assolutamente nulla, in barba alla credenza che vede la formica sempre indaffarata e operosa. Secondo uno studio della University of Arizona pubblicato sulla rivista Behavioral Ecology and Sociobiology, il 25% degli individui di una colonia resta immobile con le “zampe in mano” tutto il giorno.

Che compito abbiano nel formicaio le formiche inattive è uno dei tanti misteri ancora da svelare su questi incredibili animali, ma è affascinate l’idea che anche il dolce far niente abbia un ruolo importante all’interno di una società perfettamente organizzata come quella delle formiche, dove un fannullone senza senso non avrebbe futuro.

Quante formiche esistono sul pianeta?

Noi umani riteniamo di essere la specie dominante tuttavia, almeno dal punto di vista numerico, la Terra sembra davvero essere il pianeta delle formiche. Una ricerca comparsa nel settembre 2022 su Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) ha infatti calcolato non solo quante formiche vivano in media in una singola colonia, ma, per la prima volta nella storia, anche il numero di formiche sull’intero pianeta, che si aggirerebbe intorno all’astronomica cifra di 20 milioni di miliardi. Tale stima è stata ottenuta analizzando la vita degli insetti direttamente nei loro habitat sparsi per il globo, tanto che i ricercatori sono riusciti anche ad osservare come la fetta più grande di popolazione viva nelle zone tropicali.

Ma non finisce qui. Una volta stabilita la quantità di formiche presenti sulla Terra, lo studio ne ha calcolato anche la massa complessiva di carbonio, l’elemento principale delle forme di vita che abitano il nostro pianeta. Dai risultati ottenuti è emerso come la biomassa di questi insetti corrisponda a circa 12 milioni di tonnellate di carbonio, più della biomassa totale di tutti gli uccelli e mammiferi del mondo.

Articolo aggiornato

This post was last modified on 3 ottobre 2022 9:36

Share
Published by
Niccolò De Rosa

Recent Posts

Che cos’è la febbre?

Che cos'é la febbre e perché viene proprio a noi? Se sono caldo dopo aver…

28 novembre 2022

Viaggio nel corpo umano: le lacrime

In questo articolo faremo un viaggio nel corpo umano con la lente di ingrandimento, scoprendo…

27 novembre 2022

Pigiama party: 10 idee per una festa originale

L’inverno sta arrivando a grandi passi e le occasioni per uscire e vederti con gli…

26 novembre 2022

Viaggio nel corpo umano: perché sbattiamo le palpebre?

Cosa sono le palpebre? E soprattutto a cosa servono? Quante volte le sbattiamo nella vita?…

26 novembre 2022

I Calendari dell’Avvento più creativi da fare in famiglia

Vuoi qualche idea per realizzare un Calendario dell'Avvento particolare? Eccone 6 che daranno libero sfogo…

25 novembre 2022

Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne: perché si celebra il 25 novembre?

Il rispetto per la donna e per la vita in generale deve essere un principio…

25 novembre 2022
Loading