Donna Moderna
FocusJunior.it > Animali > Gli orsi e il letargo: è il momento di svegliarsi!

Gli orsi e il letargo: è il momento di svegliarsi!

Stampa
Gli orsi e il letargo: è il momento di svegliarsi!
pixabay

Gli orsi stanno per svegliarsi dal loro lungo letargo! Allora sfatiamo qualche mito su questo lungo sonno e capiamo meglio chi sono questi giganti pelosi.
Ragazzi, tutti pronti! Per cosa, vi state chiedendo? Per il risveglio degli orsi dal loro letargo! Eh sì, siamo a metà aprile ed è arrivato il momento di aprire gli occhi e tornare alla vita di tutti i giorni. 
Gli orsi sono una delle tante specie che per superare i mesi invernali si trova un rifugio in cui nascondersi e poter andare in letargo . La scarsità di cibo e le temperature basse, specie per orsi come quello bianco che vive tra i ghiacci del Polo, costringono questi mammiferi a proteggersi e cadere in questo stato di quiescenza , di torpore . Il corpo rimane per lo più immobile per non sprecare energie, il cuore rallenta i battiti, la temperatura si abbassa (da 37 a 31 gradi): vanno in ibernazione . Ma a differenza di quello che si pensa, il letargo non è un vero lungo sonno , più che altro è un sonno leggero, da cui a volte si svegliano e in cui addirittura le femmine possono partorire i cuccioli.  
ANIMALI IN LETARGO: IL RISVEGLIO DELL'ORSO [VIDEO]
Quando arriva la primavera, più o meno a metà aprile, gli orsi si risvegliano dal loro torpore invernale. Quello che li rende unici rispetto ad altre specie è che, nonostante abbiano perso gran parte del loro peso e siano stati fermi per tanti mesi, non subiscono danni a livello muscolare. Se ci pensate è molto strano, se voi dormiste sei mesi vi svegliereste debolissimi! Gli orsi invece in tempi molto brevi, abbandonata la tana, sono in grado di cacciare o di educare i cuccioli nati in letargo. Per questo motivo sono oggetto di importanti studi medici che tentano di carpirne i segreti.
ANIMALI IN LETARGO: IL RISVEGLIO DELL'ORSO [VIDEO]

Una volta svegli il loro principale obiettivo è quello di procurarsi il cibo per tornare nel pieno delle forze. D'altronde da svegli gli orsi hanno bisogno di 2 kg di grasso al giorno, per cui hanno davvero una fame da lupi!> Guarda il video! Clicca su PLAY!
  Di qui a breve gli orsi tornaranno a fare la loro vita di sempre: le madri alleveranno i piccoli fino a che non saranno indipendenti, i padri andranno da soli a caccia di cibo da portare alla famiglia e poi ognuno per la sua strada, da soli, fino a che non si ritroveranno per procreare nuovamente e ritornare a dormire per mesi.

Ragazzi, tutti pronti! Per cosa, vi state chiedendo? Per il risveglio degli orsi dal loro letargo! Eh sì, siamo all'inizio di  aprile ed è arrivato il momento per questi simpatici plantigradi di aprire gli occhi e tornare alla vita di tutti i giorni! 

 

Il più grande mammifero carnivoro vissuto sulla terra (si è estinto circa 12mila anni fa) era l'orso gigante dal muso corto (Arctodus simus). Era due volte più massiccio dell'orso di oggi: quando camminava a 4 zampe era alto quasi 2 metri! | pixabay

Gli orsi sono una delle tante specie che per superare i mesi invernali si trova un rifugio in cui nascondersi e poter andare in letargo. La scarsità di cibo e le temperature basse, specie per orsi come quello bianco che vive tra i ghiacci del Polo, costringono questi mammiferi a proteggersi e cadere in questo stato di quiescenza, di torpore . Il corpo rimane per lo più immobile per non sprecare energie, il cuore rallenta i battiti, la temperatura si abbassa (da 37 a 31 gradi): vanno in ibernazione.

Ma a differenza di quello che si pensa, il letargo per gli orsi non è un vero lungo sonno, più che altro è un sonno leggero, da cui a volte si svegliano e in cui addirittura le femmine possono partorire i cuccioli!  

 

| pixabay

 

Quando arriva la primavera, più o meno a metà aprile (ma a volte le temperature alte provocano un risveglio anticipato), gli orsi si risvegliano dal loro torpore invernale. Quello che li rende unici rispetto ad altre specie è che, nonostante abbiano perso gran parte del loro peso e siano stati fermi per tanti mesi, non subiscono danni a livello muscolare. Se ci pensate è molto strano, se voi dormiste sei mesi vi svegliereste debolissimi! Gli orsi invece, in tempi molto brevi, abbandonata la tana, sono in grado di cacciare o di educare i cuccioli nati in letargo. Per questo motivo sono oggetto di importanti studi medici che tentano di carpirne i segreti.

 

 

Una volta svegli il loro principale obiettivo è quello di procurarsi il cibo per tornare nel pieno delle forze. D'altronde da svegli gli orsi hanno bisogno di 2 kg di cibo al giorno, per cui hanno davvero una fame da lupi! 

Di qui a breve, quindi,  gli orsi torneranno a fare la loro vita di sempre: le madri alleveranno i piccoli fino a che non saranno indipendenti, i padri andranno da soli a caccia di cibo da portare alla famiglia e poi ognuno per la sua strada, da soli, fino a che non si ritroveranno per procreare nuovamente e ritornare a dormire per mesi.