Donna Moderna
FocusJunior.it > Animali > Focus Wild: le notizie del mese (n°118)

Focus Wild: le notizie del mese (n°118)

Stampa
Focus Wild: le notizie del mese (n°118)
Shutterstock

Il numero 118 di Focus Wild è in edicola e, come ogni mese, la Redazione vi suggerisce alcuni approfondimenti (e video) sul meraviglioso mondo degli animali

TI MANGIO LE ALI!

GIAPPONE – Durante la stagione riproduttiva il maschio e la femmina di scarafaggio Kuchiki (Salganea taiwanensis) diventano cannibali e si mangiano le ali a vicenda. Questi insetti vivono negli alberi delle foreste di Kyushu ed escono solo per cercare un compagno; volano per spostarsi e schivare i predatori ma quando le ali vengono completamente divorate, e non ricrescono, sono costretti a rimanere a terra. Per i biologi giapponesi Haruka Osaki ed Eiiti Kasuya della Kyushu University, che hanno condotto lo studio pubblicato su Ethology, è un caso unico di cannibalismo sessuale reciproco in cui entrambi gli innamorati sopravvivono. Il comportamento sembra legato alle abitudini monogame della specie poiché è più probabile che una coppia resti insieme per tutta la vita se entrambi i partner non hanno altre valide alternative: l’unione forzata aumenterebbe l’affiatamento della coppia, che quindi riuscirebbe ad allevare più figli.

A SPASSO PER LA CITTÀ

GERMANIA – Ogni mattina da oltre quattordici anni la cavalla Jenny gironzola da sola per il quartiere Fechenheim di Francoforte, dove è ormai una star. Le passeggiate mattutine sono iniziate quando Werner Weischedel, il proprietario 80enne, ha smesso di cavalcarla, ma per Jenny non era ancora arrivato il momento di andare in pensione, così ha imparato a uscire in modo indipendente per rientrare puntuale all’ora di pranzo. Il proprietario ha attaccato al capestro un biglietto che recita: “Mi chiamo Jenny, non sono fuggita, sto solo facendo un giro. Grazie”, ma alcuni pedoni si sono preoccupati per la presenza del grande erbivoro nelle strade cittadine e hanno allertato la polizia, che però non è mai dovuta intervenire perché la dolce Jenny sa come muoversi, non causa incidenti né infastidisce nessuno. Anche secondo il sindacato dei veterinari la cavalla “sembra molto rilassata e soddisfatta”, a suo agio in una zona che conosce alla perfezione, una storia incredibile che ha ispirato il film The Walk, del regista Michael Jung.

UN MAGLIONE TROPPO PESANTE

VICTORIA (AUSTRALIA) – Baarack è un montone di razza merino che ha abbandonato la vita domestica per quella selvatica e, dopo 5 anni, si è ritrovato addosso 35 chilogrammi di lana in eccesso. In questo tipo di pecore selezionate dall’uomo per produrre il pregiato filato, infatti, il vello cresce di continuo e va tenuto sotto controllo con tosature annue. Secondo i soccorritori che hanno trovato l’ariete vicino a Lancefield, l’animale tentava di sopravvivere mangiando piccoli germogli d’erba ma era molto debilitato perché il voluminoso manto gli impediva i movimenti rendendo difficile nutrirsi; inoltre, la lana cresciuta sopra gli occhi ne oscurava quasi del tutto la vista. Probabilmente Baarack sarebbe morto se non fosse stato portato al santuario Edgar's Mission, dove è stato tosato, curato e rifocillato e dove vivrà il resto dei suoi giorni in libertà insieme ad altri ovini.