Donna Moderna
FocusJunior.it > Animali > Enciclopedia degli animali > Le strisce più famose della savana: la zebra di Burchell

Le strisce più famose della savana: la zebra di Burchell

Stampa
Le strisce più famose della savana: la zebra di Burchell

Con il suo manto a strisce bianconere la zebra di Burchell è uno degli animali più riconoscibili del pianeta. Ma le sue particolarità non finiscono qui. Scopri di più con Focus Junior!

La distribuzione geografica delle zebre di Burchell comprende tutta l'Africa a partire dal margine meridionale del deserto del Sahara. Le popolazioni più numerose, però, si osservano in Kenya e Tanzania. Questi erbivori prediligono gli habitat aperti come la savana e le praterie sebbene possano occupare anche regioni montuose fino a 4400 m di altitudine.

 

La loro caratteristica principale è il mantello percorso da strisce bianche e nere alternate, che formano una trama unica per ogni individuo, al pari delle impronte digitali umane. La zebra di Burchell misura 217-246 cm di lunghezza più la coda di 47-56 cm, e 110-145 cm di altezza alla spalla. I maschi sono leggermente più grandi delle femmine e, in generale, la zebra pesa 175-385 kg.

Comportamenti

Le zebre di Burchell sono animali sociali che vivono in gruppi familiari permanenti composti da uno stallone e da 1-6 femmine con il rispettivo puledro.

I giovani lasciano il branco fra il primo e il quarto anno di età e in maschi, in particolare, si riuniscono spesso associazioni di una quindicina di individui, che durante la stagione degli amori si scontrano con i maschi dominati per cercare di accedere alle femmine del loro harem. Questi erbivori possono riprodursi durante tutto l'anno, ma la maggior parte dei puledri nasce nella stagione delle piogge, fra ottobre e marzo. La femmina si separa dal gruppo per partorire dopo un periodo di gestazione di poco più di un anno.

Appena nato il cucciolo pesa circa 32 kg e in un paio di ore è già in grado di seguire la madre e ricongiungersi al branco. Lo svezzamento è completato in 7-11 mesi e per il giovane l'indipendenza arriva fra il primo e il terzo anno di età. Le madri si occupano direttamente del loro figlio mentre il maschio ha il compito di difendere il territorio dall'assalto dei rivali.

 

In natura, le zebre di Burchell vivono in media 9 anni e si nutrono principalmente di erba. Grazie a un udito e a un olfatto particolarmente sviluppati, spesso le zebre riescono a sfuggire all'attacco dei predatori, che sono principalmente leoni (Panthera leo), iene maculate (Crocuta crocuta), licaoni (Licaone pictus), ghepardi (Acinonyx jubatus), leopardi (Panthera pardus) e coccodrilli del Nilo (Crocodylus niloticus).

Tassonomia

Classe: Mammiferi
Ordine: Perissodactyla ?
Famiglia: Equidae
Specie: Equus burchellii
Stato conservazione: rischio minimo (LC)

ULTIME NEWS