Donna Moderna

La volpe rossa

Stampa
La volpe rossa

Scaltra, sfuggente e nottambula: ecco la volpe rossa!

La volpe rossa di trova in gran parte dell'emisfero settentrionale (Europa, Asia, Nord America e Nord Africa) ed è stata introdotta in Australia.

È la specie di canide con la distribuzione geografica più ampia; inoltre, utilizza una vasta gamma di habitat tra cui le foreste, la tundra, la prateria, il deserto, le montagne, i campi coltivati e le aree urbane, dal livello del mare fino a 4500 m di altitudine.

 

La colorazione della pelliccia varia dal rosso giallastro al marrone scuro sulle parti superiori, mentre il ventre è più chiaro. I maschi sono leggermente più grandi delle femmine e l'animale è lungo 45-90 cm oltre ai 30-55 cm della coda. In base all'habitat occupato e alla latitudine, il peso oscilla da 3 a 14 kg, con le popolazioni nei deserti e nel Nord America che sono più piccole di quelle europee.

Pixabay

Le volpi rosse sono animali territoriali e solitari che talvolta possono riunirsi in piccoli gruppi formati da un maschio adulto e da una o due femmine con relativa prole. Sono attive perlopiù al crepuscolo e di notte e si spostano con una velocità massima è di 48 km/h.

Vita sociale e riproduzione

Se vivono in contesti sociali, le volpi rosse sono monogame, se no le femmine trovano ogni anno un compagno riproduttivo nuovo, che per garantirsi i favori della femmina può affrontare i rivali in aspri combattimenti. Dopo una gestazione lunga una cinquantina di giorni, nascono 1-13 cuccioli, in media 5, che pesano 50-150 g e sono ciechi fino alla seconda settimana di vita. I piccoli lasciano la tana 4 o 5 settimane dopo la nascita, sono completamente svezzati entro la decima settimana e raggiungono la maturità sessuale a 10 mesi. Se la coppia è monogama, il padre partecipa all'allevamento della prole, se no se ne occupa esclusivamente la madre.

Mediamente una volpe rossa vive circa 3 anni

Per comunicare fra loro usano sia le espressioni facciali sia le tracce odorose rilasciate da particolari ghiandole presenti sul corpo oppure con l'urina e le feci. Questi animali sono onnivori e mangiano perlopiù roditori, conigli, insetti e frutta, ma anche carogne e spazzatura. Per proteggere i cuccioli dall'attacco dei predatori, soprattutto aquile, altre specie di canidi e orsi, la madre li nasconde in tane sotterranee.

Tassonomia

Classe: Mammiferi
Ordine: Carnivora ?
Famiglia: Canidae
Specie: Vulpes vulpes
Stato conservazione: rischio minimo (LC)