Lo storno, un uccello "maculato"!

 Stampa
storno-fj
Pixabay

Lo storno è un simpatico uccello molto comune in Europa e in Africa settentrionale il cui tratto distintivo è il particolare piumaggio chiazzato di punti di colori vari. Vuoi scoprirne di più? Leggi l'articolo!

Lo storno è uno degli uccelli più comuni nell'emisfero settentrionale. La sua estensione originaria comprende l'Europa, dalle Azzorre fino al confine con la Siberia, e l'Africa settentrionale, ma la specie è stata introdotta anche in Africa meridionale, Australia, Nuova Zelanda e America settentrionale.

 

Sturnus vulgaris è un uccello di pianura presente soprattutto in aree non montuose. Il suo habitat prediletto è rappresentato dai boschetti o dai margini delle foreste in prossimità di prati e pascoli. Durante la stagione riproduttiva necessita di luoghi ricchi di cavità in cui nidificare e di campi dove alimentarsi, ma il resto dell'anno utilizza una grande varietà di habitat, dalle brughiere alle saline. 

 

Gli adulti sono lunghi circa 21 cm, hanno un'apertura alare di 40 cm e pesano circa 80 g. Sia i maschi sia le femmine hanno un piumaggio cangiante di colore verde, blu e violetto che in inverno si chiazza di puntini bianchi o crema. Per distinguere i sessi bisogna osservare la base del becco: nelle femmine è rosa-gialla, nei maschi blu metallico.

storno-ramo-uccello
| Pixabay
Comportamenti

Lo storno è un uccello estremamente adattabile e opportunista. Nidifica ovunque sia presente una cavità: negli alberi, nelle crepe degli edifici e fra i tetti. Inoltre, ruba spesso il nido ad altre specie di uccelli.

La stagione riproduttiva inizia in primavera e termina in estate; la coppia, che non è strettamente monogama, depone fino a 3 covate di 5-6 uova ciascuna. Per circa 11 giorni la madre ha l'onere di incubarle mentre i pulcini sono nutriti da entrambi i genitori fino a 2 giorni dopo l'involo, che avviene quando hanno 21-23 giorni. Lasciato il nido, i giovani formano dei nuovi gruppi con i loro coetanei.

Mediamente S. vulgaris vive 15 anni. Gli storni producono una vasta gamma di vocalizzazioni per comunicare fra loro, riconoscere i propri figli e avvertire la colonia dell'arrivo di un eventuale pericolo. Sono onnivori e si adattano a numerosi tipi di cibo: semi, insetti, vertebrati, lombrichi, piante e frutta.

Tassonomia

Classe: Uccelli
Ordine: Passeriformes
Famiglia: Sturnidae
​Specie: Sturnus vulgaris
Stato conservazione: rischio minimo (LC)

25 Marzo 2014 | Aggiornato il 08 Ottobre 2017
Non ci sono ancora commenti!
Per poter aggiungere un commento fai login oppure registrati!

ULTIME NEWS
Halloween dog parade, New York
20 Ottobre 2017 
Condividi
La cavia domestica
18 Ottobre 2017 
Condividi
Il cervo nobile
17 Ottobre 2017 
Condividi
SEGUICI        
ABBONATI
© 2016 Mondadori Scienza Spa | P.IVA 09440000157 | Capitale Sociale : € 2.600.000 i.v.