Donna Moderna
FocusJunior.it > Animali > Enciclopedia degli animali > Un anfibio di montagna: la rana temporaria

Un anfibio di montagna: la rana temporaria

Stampa
Un anfibio di montagna: la rana temporaria

Vive di notte e abita quasi tutto l'Arco Alpino: scopriamo tutto sulla rana temporaria!

Caratteristiche

La rana temporaria è diffusa in quasi tutta l'Europa centrale e settentrionale. Nelle regioni più nordiche si incontra prevalentemente in pianura e in bassa collina, ma scendendo verso sud diventa più frequente nella fascia collinare e montana, spingendosi fino a poco meno di 3000 m sui Pirenei e sulle Alpi. In Italia è presente con regolarità su tutto l’arco alpino e sull’Appennino Ligure, mentre la sua distribuzione risulta più frammentaria e irregolare su quello Tosco-Emiliano. Si può rinvenire in qualsiasi luogo umido: praterie alpine, boschi e arbusteti.

 

Gli adulti raggiungono i 10 cm di lunghezza ma solitamente sono più piccoli. Il corpo è robusto e la livrea varia dal verde oliva al bruno rossiccio sul dorso e diventa bianca, gialla o arancione sul ventre.

Comportamenti

Rana temporaria conduce una vita terrestre prevalentemente notturna e si avvicina all'acqua (laghi, ruscelli e stagni, ma anche pozze temporanee) solo durante la stagione riproduttiva e per svernare. Nel mese di marzo i maschi si riuniscono in gruppi anche molto numerosi e richiamano le femmine con particolari vocalizzazioni. Quando la stagione è all'apice e i maschi sono altamente sollecitati, non è raro vedere più individui ammassati sulla stessa femmina o, addirittura, su oggetti inanimati come le lattine.

La femmina depone nell'acqua un gran numero di uova, fino a 4000, all'interno di 1 o 2 masse gelatinose. La schiusa avviene dopo circa 2-3 settimane e le larve compiono la metamorfosi per diventare adulti in 2-4 mesi, se le condizioni climatiche sono favorevoli; in caso contrario, possono svernare in acqua e metamorfosare l’anno successivo. Avvenuta la trasformazione, le giovani rane escono dall'acqua e non vi fanno più ritorno per i successivi 3 o più anni, quando sono pronte per la loro prima stagione riproduttiva.

La massima longevità in natura è di circa 15 anni, ma la vita media di questo anfibio non sembra superare i 5 anni.

 

Gli adulti si nutrono di diversi invertebrati e le larve sono onnivore, ma principalmente vegetariane. La rana temporaria è predata da serpenti, uccelli e mammiferi, mentre i girini sono facili vittime per i pesci e per gli altri anfibi.

Tassonomia

Classe: Anfibi
Ordine: Anura ?
Famiglia: Ranidae
Specie: Rana temporaria
Stato conservazione: rischio minimo (LC)

ULTIME NEWS
Natale: 10 libri indimenticabili
Condividi
Come si fa a diventare agente segreto
Condividi
Chi sono le spie nella realtà
Condividi