Il pesce gatto nero, un nuotatore "baffuto"!

 Stampa
pesce-gatto-nero_01
Corbis

Scopriamo tutto sul pesce gatto nero, un vorace abitante di fiumi e laghi che si riproduce velocemente e che ha un impatto molto "invadente" negli habitat in cui viene introdotto

Originario del Canada e degli Stati Uniti, dai Grandi Laghi fino al Messico settentrionale, il pesce gatto nero è stato introdotto ai primi del Novecento in Europa, anche in Italia, dove ha prosperato. È un animale molto adattabile e resistente che occupa la maggior parte degli habitat d'acqua dolce, dai piccoli stagni agricoli ai laghi e alle paludi. Tollera senza ripercussioni acque scarsamente ossigenate, inquinate, torbide e con alte temperature.

pesce-gatto-nero_02
| Corbis

Ameiurus melas è un pesce relativamente piccolo, che misura massimo 60 cm e raramente supera i 3,5 kg di peso. Preferisce nuotare su fondali paludosi e in corsi d'acqua privi di forti correnti e profondi massimo 5 m. Il corpo è robusto e la grossa testa è caratterizzata dalla presenza di numerosi baffi (i barbigli). Il colore della pelle, priva di squame, varia dal marrone scuro al nero sul doso, e il ventre è bianco.

Comportamenti

In questa specie la deposizione della uova avviene fra maggio e luglio, quando la femmina costruisce il nido sotto un tronco sommerso oppure scava una buca poco profonda sul fondale, e depone dalle 2000 alle 3800 uova. La covata è protetta dalla madre solo per il primo giorno, dopodiché il maschio accudisce le uova fino alla schiusa, che ha luogo dopo circa 4-10. Inoltre, una volta nati i piccoli avannotti restano vicino al padre per quasi 2 settimane.

Mediamente, A. melas vive circa 5 anni. È un animale solitario che soprattutto al crepuscolo e di notte va a caccia di uova, avannotti e piccoli pesci, ma si può nutrire anche di anfibi, larve di insetti e molluschi. Negli ambienti in cui è stato introdotto sta avendo un impatto disastroso sulla fauna locale perché è molto vorace, estremamente resistente alle condizioni ambienti avverse e ha pochi predatori. Quasi nessun animale, infatti, sfida le sue velenose spine pettorali, che infliggono delle dolorose punture.

Tassonomia

Classe: Attinopterigi
(Pesci ossei)
Ordine: Siluriformes
​Famiglia: Ictaluridae
Specie: Ameiurus melas
Stato conservazione: rischio minimo (LC)

25 Marzo 2014 | Aggiornato il 11 Settembre 2017
Non ci sono ancora commenti!
Per poter aggiungere un commento fai login oppure registrati!

ULTIME NEWS
L'ape, un esempio di laboriosità!
19 Settembre 2017 
Condividi
Il simpatico lamantino dei Caraibi
19 Settembre 2017 
Condividi
Il cervo volante, il più grande coleottero europeo
19 Settembre 2017 
Condividi
La ghiandaia, l'imitatrice dei boschi
19 Settembre 2017 
Condividi