Donna Moderna
FocusJunior.it > Animali > Enciclopedia degli animali > Animali del bosco: l’orso bruno!

Animali del bosco: l’orso bruno!

Stampa

L'orso bruno è uno dei più grandi predatori della Terra, anche se la sua dieta comprende un po' di tutto. Conosciamolo meglio!

L’orso bruno è presente, con numerose sottospecie, in gran parte dell’Eurasia settentrionale e del Nord America. Vive principalmente nelle foreste e nei boschi di alta montagna lontano dagli insediamenti umani, in habitat con una buona disponibilità di cibo e di tane.

È lungo 1-2,8 m e alto fino alla spalle 90-150 cm, ma quando si erige sulle zampe sulle zampe posteriori, nella classica postura intimidatoria, raggiunge i 2,5 m. Pesa da 80 a più di 600 kg, con il maschio che è circa il 10% più grande della femmina, e la pelliccia può essere marrone scuro, crema o quasi nera in base alla regione geografica. Gli orsi bruni sono incredibilmente forti e resistenti, corrono più veloci di un cavallo e si arrampicano senza problemi sugli alberi.

UN GRAN MANGIONE!

Ursus arctos è diurno ma preferisce andare in cerca di cibo al mattino e alla sera e riposare durante il giorno nella vegetazione fitta. Si sposta anche per centinaia di chilometri in cerca di nutrimento poiché la sua dieta è onnivora e cambia in base alla stagione. Mangiano una grande varietà di cibi vegetali, ma stanano anche topi, scoiattoli e marmotte e, in Canada, gli orsi grizzly (sottospecie Ursus arctos horribilis) ha una dieta composta principalmente da salmoni, alci e capre di montagna. Per necessità, si cibano anche di carogne o di capi di bestiame.

Fra ottobre e dicembre l’orso bruno si ritira nella tana e interrompe ogni attività, anche se non si tratta di un vero e proprio letargo. Durante questo periodo, che termina fra marzo e maggio, l’animale non si nutre ma sfrutta il grasso accumulato durante la bella stagione.

ORSO DI NOME... E DI FATTO?

Il sociale più forte è tra la femmina e la sua prole. L’accoppiamento ha luogo da maggio a luglio e porta alla nascita di 2-3 cuccioli. Questi sono allattati per 18-30 mesi e rimangono con la madre per 2 o 3 anni per imparare a trovare il cibo e una tana adeguata, aspetti fondamentali per sopravvivere una volta soli. Diventano sessualmente maturi tra i 4-6 anni di età e hanno un’aspettativa di vita di 20-30 anni, sebbene nella maggior parte dei casi sopravvivano solo pochi anni.

Nonostante la nome però, studi recenti hanno dimostrato come in realtà gli orsi, sebbene solo in determinate circostanze, siano in grado di collaborare tra loro

A TUTTO FIUTO

Il senso più sviluppato è sicuramente l’olfatto, che permette all’orso di sentire l’odore di una carcassa anche a chilometri di distanza. A causa della loro dimensione e forza, questi animali non hanno predatori naturali ma la popolazione mondiale è stata decimata a causa dell’uomo, che l’ha cacciato per decenni.

TASSONOMIA

Classe: Mammiferi
Ordine: Carnivora ?
Famiglia: Ursidae
Specie: Ursus arctos
Stato conservazione: rischio minimo (LC)