Focus.it

FocusJunior.it

FocusJunior.itAnimaliEnciclopedia degli animaliLa lince eurasiatica, che cacciatrice temibile!

La lince eurasiatica, che cacciatrice temibile!

Stampa

Scopri tutto quello che c'è da sapere sulla lince eurasiatica

Diverse specie di lince sono diffuse tra il Nord America e l’Eurasia, ma tutte sono accomunate da una corporatura compatta, una coda corta ed elegantissimi ciuffi sulle orecchie.
In Europa siamo fortunati, perché ne sono presenti ben due specie: la lince pardina
(Lynx pardinus) e la lince eurasiatica (Lynx lynx), di cui parliamo in questo articolo, un tempo diffusa in gran parte d’Europa e ora purtroppo ampiamente estinta in molte regioni.

La lince eurasiatica è alta alla spalla oltre mezzo metro e lunga fino a 120 cm, può pesare anche 40 kg, seppur di solito non superi i 25 kg. L’unica specie affine nello stesso areale distributivo è il gatto selvatico (Felis silvestris) che però è molto più piccolo, non superando i 6 kg, e dotato di una vistosa coda a clava di grandi dimensioni.

La trama del mantello varia in base all’habitat e alla regione geografica e può essere maculata, a strisce o a “rosette”. La coda è corta e termina con la punta nera. La lince è caratterizzata da ciuffi neri sulle punte delle orecchie e da grandi zampe coperte di pelliccia che lasciano inconfondibili tracce sulla neve.

Un tempo la lince euroasiatica si trovava dalla Francia Occidentale alla Russia, passando per l’Europa Centrale, i Balcani e la Grecia, ma anche molto a nord, in Penisola Scandinava
e in Gran Bretagna. La persecuzione da parte dell’uomo ha purtroppo fatto sì che la lince scomparisse da gran parte delle zone di origine, e attualmente la distribuzione risulta molto frammentata, tanto da mettere a rischio la sopravvivenza della specie.

Fortunatamente però sono in corso programmi di reintroduzione che stanno iniziando a dare buoni risultati.

Comportamento della lince

Questo felide predilige le aree boscate, sia di conifere che a faggio, possibilmente con zone rocciose e radure in cui cacciare. Può muoversi anche attorno a paesi o zone antropizzate, ma non è un animale che entra in città, al contrario di quanto può accadere con i lupi e gli orsi.
Principalmente notturna, la lince è difficilissima da osservare, perché vive in densità molto basse, con territori di ampie dimensioni (che nei maschi arrivano a 450 km2) e dunque la probabilità di incrociarla è remota. Non è però timida: diverse testimonianze anche video la mostrano camminare tranquillamente vicino a escursionisti, ignorandoli del tutto.

Nei confronti delle sue prede, invece, la lince è decisamente temibile: le attende ferma immobile, per poi scattare all’improvviso e catturarle. La sua dieta è composta principalmente da caprioli e, nelle zone di montagna, camosci, ma può talvolta concentrarsi anche su specie
più piccole, come lepri, volpi e addirittura ghiri.

Poiché è un animale solitario, l’unico rapporto sociale duraturo osservato nella lince eurasiatica è tra la madre e i cuccioli. Questi felini sono attivi principalmente al mattino presto e di sera e il resto del tempo lo trascorrono riposando nascosti nella vegetazione. Hanno una vita terrestre, ma sono abili sia ad arrampicarsi sia a nuotare.

Durante la stagione riproduttiva la femmina si accoppia con un solo maschio e dopo 67-74 giorni partorisce mediamente 2-3 cuccioli (ma le dimensioni della cucciolata variano da 1 a 5). Questi dipendono dalla madre per il nutrimento e la protezione e diventano indipendenti a circa 10 mesi d'età.

La lince, che vive mediamente 17 anni, ha una dieta strettamente carnivora e si nutre principalmente di ungulati come il capriolo (Capreolus capreolus) e il camoscio (Rupicapra rupicapra). Per questo si dice che è stenofaga.

Tassonomia

Classe: Mammiferi
Ordine: Carnivora ?
Famiglia: Felidae
Specie: Lynx lynx
Stato conservazione: rischio minimo (LC)

Leggi anche
CATEGORY: 1