Uccelli: Il cavaliere d'Italia

 Stampa
cavaliere-ditalia_04
Corbis

Nonostante il nome, il cavaliere d'Italia non ha né corazza né destriero, ma solo due lunghe zampe e un becco affilato con cui setaccia le paludi in cerca di cibo. Scopri di più con Focus Junior!

ll cavaliere d'Italia è presente con 5 sottospecie in Europa, India, Asia, Africa, America e isole Hawaii. Essendo un limicolo (che vive cioè nei pressi di fondali melmosi), è legato agli ambienti umidi come gli stagni, le saline e le lagune.

In Italia si stima vivano circa 4-5mila coppie, la seconda popolazione europea per importanza dopo quella spagnola, che conta circa 12mila coppie.

 

Questo uccello è facilmente identificabile per via delle lunghe e rosse zampe e per l'acuminato becco nero. Il piumaggio è bianco sul petto e sulla coda, mentre sulle ali e sul dorso è nero. Il maschio si distingue dalla femmina per la presenza di una calotta nera sulla testa che, con l'età, diventa sempre più evidente. Lungo da 33 a 40 cm, Himantopus himantopus pesa fino a 200 g. Le sue zampe, rispetto alla mole, sono le più lunghe di tutta l'avifauna e misurano fino a 30 cm.

cavaliere-ditalia_06
Il maschio 8sopra) si distingue dalla femmina per la presenza di na grossa macchia nera sul capo | Corbis
Caratteristiche

Grazie alle lunghe zampe, il cavaliere d'Italia si sposta agilmente nelle acque basse, che setaccia in cerca di cibo, perlopiù alghe, insetti e altri piccoli vertebrati. È una specie gregaria che vive in piccole colonie e nidifica sulle sponde dei laghi salmastri e delle zone umide.

 

Dopo aver definito il proprio territorio, la coppia costruisce il nido in cui la femmina depone tra fine aprile e inizio giugno 3-4 uova di colore giallo-verde macchiate di bruno scuro. Entrambi i genitori partecipano alla cova, che dura 25 giorni, e dopo la schiusa allevano insieme la prole per circa 1 mese, fino all'involo.

I nidiacei sono spesso vittime di attacchi da parte di falchi e gabbiani, così le madri hanno ingegnato una messinscena per proteggere i propri cari: se percepiscono un pericolo simulano la frattura di un'ala per attirare l'attenzione del predatore su di sé e mettere in salvo la famiglia.

Tassonomia

Classe: Uccelli
Ordine: Charadriiformes
​Famiglia: Recurvirostridae
Specie: Himantopus himantopus
Stato conservazione: rischio minimo (LC)

25 Marzo 2014 | Aggiornato il 13 Settembre 2017
Non ci sono ancora commenti!
Per poter aggiungere un commento fai login oppure registrati!

ULTIME NEWS
Formiche: al lavoro con i palloncini
21 Novembre 2017 
Condividi
Le foto pazze dei Gatti Kung-Fu!
13 Novembre 2017 
Condividi
SEGUICI        
ABBONATI
© 2016 Mondadori Scienza Spa | P.IVA 09440000157 | Capitale Sociale : € 2.600.000 i.v.