Donna Moderna

Il babbuino giallo

Stampa

Grossi branchi, canini appuntiti e un pessimo carattere: ecco il babbuino giallo!

Questa specie di primate è diffusa negli ambienti di savana e nelle foreste pluviali dell’Africa centro-orientale. Nei babbuini gialli il dimorfismo sessuale è evidente, con i maschi che pesano circa 23 kg, contro i 12 kg delle femmine, e possono raggiungere la lunghezza 140 cm senza la coda, che misura oltre 70 cm. Nei maschi, poi, i potenti canini si sviluppano maggiormente e servono per minacciare eventuali predatori oppure i rivali in amore.

 

Comportamenti

I babbuini gialli sono scimmie quadrupedi che trascorrono gran parte del loro tempo a terra. Vivono in complessi gruppi sociali formati da entrambi i sessi in cui si coopera per allevare la prole, recuperare il cibo e guardarsi le spalle durante il riposo. Questi animali, infatti, producono un’ampia gamma di vocalizzazioni che servono per dare l’allarme in caso di pericolo oppure per scoraggiare eventuali pretendenti.

Le madri allevano i cuccioli all’interno del branco, che può essere formato da 20 a 180 individui in base alla disponibilità delle risorse, e comunemente danno alla luce un solo piccolo ogni due anni. Quest’ultimo è accudito per 120-180 giorni, con le femmine che rimangono nella colonia per tutta la vita e i maschi che vanno in cerca un nuovo gruppo quando diventano sessualmente attivi, circa a 7 anni.

I babbuini gialli sono animali longevi, che vivono mediamente 35 anni.

Tassonomia

Classe: Mammiferi
Ordine: Primates
?Famiglia: Cercopithecidae
Specie: Papio cynocephalus
Stato conservazione: rischio minimo (LC)