Donna Moderna
FocusJunior.it > Animali > Dinosauri > Dinosauri vegetariani: quali erano e quali caratteristiche avevano

Dinosauri vegetariani: quali erano e quali caratteristiche avevano

Stampa
Dinosauri vegetariani: quali erano e quali caratteristiche avevano

Foglie, Frutti e fiori: di questo si cibavano questi animali vissuti milioni di anni fa. impariamo a conoscere i più curiosi dinosauri vegetariani con il paleontologo!

Sapete perché li chiamiamo “vegetariani” e non “erbivori”? Perché l'erba ai tempi dei dinosauri non esisteva ! “L'erba ha infatti incominciato a diffondersi sul Pianeta circa 40 milioni di anni fa” dice il paleontologo e autore di numerosi libri sui dinosauri, Fabio Marco Dalla Vecchia .  Questi animali si nutrivano dunque di foglie e frutti “e anche di fiori, ma solo dopo la metà della storia dei dinosauri, circa 120 milioni di anni fa, quando le piante con i fiori cominciarono a diffondersi”.

 

I “colli lunghi”

Mentre di dinosauri carnivori esisteva un solo gruppo, i Teropodi , per i vegetariani ne esistono un po' di più. Vi ricordate il film “Alla ricerca della Valle Incantata”?  Il protagonista faceva parte dei Sauropodi , “che hanno una caratteristica inconfondibile, quella di avere i colli e coda molto lunghi. Potevano essere davvero giganteschi, con oltre 30 metri di lunghezza e decine di tonnellate di peso” dice l'esperto. In questa categoria rientrano i Diplodocus , gli Apatosaurus e i Brachiosaurus . “Anche se sono vegetariani, sono più strettamente imparentati con i Teropodi , e cioè con i dinosauri carnivori. Sono comparsi sulla Terra più o meno 200 milioni di anni fa e scomparvero con gli altri 66 milioni di anni fa”.
L'articolo continua dopo la fotogallery

 

 

 

Spinosi e corazzati

“Ci sono poi gli Stegosauri , anche detti dinosauri spinosi. Erano quadrupedi e avevano due file di placche più o meno grandi e spinose sulla schiena, spine alla fine della coda e una testa piccola – continua il paleontologo –. Vissero per lo più durante il Giurassico (201-145 milioni di anni fa circa) e lo Stegosaurus poteva raggiungere anche una lunghezza di 7 metri”. 
Gli Anchilosauri , invece, erano corazzati. “Si tratta di quadrupedi massicci, con il corpo e la testa protetti da una corazza di placche ossee – racconta l'esperto –. Alcune specie avevano anche una mazza alla fine della coda. Erano comuni soprattutto durante il Cretaceo”.

 

Calvi e “cornuti”

Tipici della fine del Cretaceo (88-66 milioni di anni fa circa) sono i Pachicefalosauri . “Erano bipedi con un cranio inspessito che gli faceva assumere l'aspetto di un uomo calvo – racconta Fabio Marco Dalla Vecchia –. Non erano enormi, a eccezione del Pachycephalosaurus , che è vissuto alla fine dell'epoca dei dinosauri. Aveva un cranio lungo 50 centimetri”. Sempre dello stesso periodo, sono i Ceratopsi , o dinosauri cornuti, che erano quadrupedi e massicci come rinoceronti. “Li conosciamo soprattutto nelle forme più evolute come il Triceratops. Avevano un grande collare osseo a coprire il collo e lunghi corni sul muso e sulla testa”

 

I “dinosauri dal becco ad anatra”

Ci sono poi gli Ornitopodi : si tratta di un gruppo di dinosauri molto vasto, che comprende esemplari diversi fra loro. Ce ne sono alcuni piccoli, che raggiungono il metro di lunghezza, e altri che arrivano anche fino a 15 metri. “In genere, potevano spostarsi sia su due sia a quattro zampe, anche se quelli più piccoli erano generalmente bipedi” spiega l'esperto.
All'interno di questo gruppo c'erano gli Adrosauri , o “dinosauri dal becco ad anatra”. Si distinguevano per le batterie di denti che permettevano di triturare anche i vegetali più coriacei – commenta lo studioso –. Il più grande e completo dinosauro italiano è proprio un Ornitopode , una specie imparentata con i "dinosauri dal becco ad anatra" dell'Asia, ma più primitiva, che viveva nel Friuli Venezia Giulia 70 milioni di anni fa quando la zona era un'isola tropicale. La specie si chiama Tethysadros insularis . Ho avuto la fortuna di denominarla e di dirigere lo scavo nel 1999. Da lì abbiamo estratto uno scheletro completo, lungo 4,5 metri, che è stato soprannominato 'Antonio'”.
Non solo vegetariani! A fare compagnia a questi esemplari, milioni di anni fa c'erano anche i dinosauri carnivori. Guardate la nostra gallery per scoprire quelli più temibili!
Di Alice Dutto