Donna Moderna
FocusJunior.it > Animali > Dinosauri: come mai si sono estinti?

Dinosauri: come mai si sono estinti?

Stampa

Le teorie sull'estinzione dei dinosauri sono molte e diverse. Ecco, raggruppate in questo articolo, le tesi più accreditate dagli scienziati per spiegare l'improvvisa estinzione dei grandi lucertoloni preistorici.

 

L'estinzione dei dinosauri è un mistero che da sempre interessa paleontologi (coloro che studiano gli animali vissuti sulla terra prima degli attuali), studiosi e semplici appassionati. Al riguardo esistono molte teorie e noi passiamo in rassegna le più importanti.

 

La teoria del meteorite

Ogni giorno sulla Terra cadono  fino a 500 meteoriti  della grandezza di una pallina da tennis, eppure non ce ne accorgiamo. Come ne cadono di piccoli tutti giorni, così ne cadono di immensi,  molto raramente . E così, per fortuna, non sono molti i meteoriti di  grandi dimensioni  che nel corso dei millenni hanno colpito la Terra. Però, secondo alcuni studiosi (tra cui Walter Alvarez)  un meteorite di 10 chilometri si sarebbe schiantato sul suo terrestre circa 65 milioni di anni fa.  Si tratterebbe del  meteorite  Chicxulub , che nella penisola dello  Yucatan, in Messico ,  ha creato un cratere di ben  180 chilometri di diametro

 

Questo scontro terrificante avrebbe provocato una tremenda esplosione che avrebbe riempito l'aria di polvere e sollevato impenetrabili nubi. La Terra, per via di queste, non avrebbe visto la luce del Sole per mesi (alcuni ipotizzano per anni), e perciò il clima sarebbe cambiato repentinamente. Un gelido inverno avrebbe ricoperto il suolo terrestre uccidendo moltissime specie di piante, estinguendo i dinosauri erbivori (che non trovarono più cibo per nutrirsi) e, di conseguenza, anche i carnivori , che se ne cibavano.

 

 

 

 

Eruzioni vulcaniche

Recentemente, però, la teoria del meteorite è stata messa in discussione . Infatti, ricerche recenti affermano che in realtà il meteorite Chicxulub si schiantò sul nostro pianeta ben 300 mila anni prima dell'estinzione dei dinosauri. Dunque non può essere ritenuto colpevole. Ecco allora che è stata elaborata una diversa teoria . Essa afferma che, sulla Terra, vi fu un periodo di grandi sconvolgimenti causati da terremoti continui .

A questi si aggiunsero imponenti eruzioni vulcaniche che, liberando nell'atmosfera milioni di tonnellate di sostanze chimiche e ceneri,  resero l'aria tossica e oscurarono il sole, creando un terrificante effetto serra (in pratica, la nostra Terra non riusciva più a disperdere nello spazio l'eccesso di calore ricevuto dal Sole) che cambiò in modo radicale il clima e le stagioni . L'insieme di questi fatti portò,  nel giro di poco tempo, all'estinzione dei dinosauri.

 

 

Un disastro...combinato?

Una recente teoria basata, molto condivisa dalla comunità scientifica, metterebbe in relazione la prima teoria (meteorite) con l'ipotesi delle eruzioni.

Alcuni ricercatori hanno infatti riscontrato importanti variazioni di temperatura avvenuta sulla Terra proprio durante il periodo in cui scomparvero i dinosauri. Ciò sarebbe riconducibile al fatto che i due disastri avvennero l'uno dopo l'altro, a circa 150.000 anni di distanza, provocando cambiamenti climatici così radicali da impedire ai lucertoloni di adattarsi.

 

 

 

 

 

 

Le malattie e la crisi esistenziale

Alcuni studiosi, tra cui gli zoologi americani George e Roberta Poinar , sostengono che un'epidemia virale o batterica avrebbe portato all'estinzione di questi animali giganteschi. Un gruppetto di altri studiosi sostiene invece che la colpa dell'estinzione più famosa della storia sia colpa dei primi piccoli mammiferi , che cominciarono a cibarsi delle uova di dinosauro .

CRISI ESISTENZIALE DI MASSA
La Terra, 65 milioni di anni fa (nel tardo periodo cretaceo), visse un momento di vera e propria crisi, tanto che tutti gli animali più pesanti di 10 kg sparirono .

Questa crisi fece rimanere in vita soltanto i mammiferi di piccola taglia, gli uccelli, alcune specie di serpenti e piccoli sauri (come le lucertole), coccodrilli e tartarughe . Questa non fu l'unica crisi che interessò la Terra, ve ne fu un'altra nel periodo carbonifero di cui però non resta traccia poiché non abbiamo trovato resti di enormi animali da studiare. L'ultima crisi nota risale ad "appena" 10 milioni di anni fa e fu quella della megafauna glaciale , durante la quale morirono tutti i mammut .

 

 

 

 

Il normale corso della natura

Quella chiamata del normale corso della Natura è l'ultima a teoria che avanzata nel corso degli anni. Essa afferma che l'estinzione dei dinosauri non è da ascrivere a nessun fattore in particolare ma al semplice decorso della Natura.

 

Pensiamo infatti ad animali come il mammut o la tigre dai denti a sciabola: si sono estinti in modo naturale, non a causa di alcun grande fattore ambientale o climatico.

Come loro, anche oggi molti animali rischiano di estinguersi: pensate alla balenottera azzurra, che è molto più grande dei dinosauri e, di questo passo, fra poche centinaia di anni non ci sarà più! Pensiamo all'uccello dodo,  sterminato dagli uomini appena 300 anni fa. Come vediamo, ai normali cambiamenti climatici si sono aggiunti i disastri causati dall'uomo, come la caccia e lo sfruttamento indiscriminato delle risorse naturali, vita compresa. Si dice che è la natura che sceglie chi far sopravvivere. Oggi non è più solo lei. E non si tratta di un passo avanti.