Donna Moderna
FocusJunior.it > Animali > Animali selvatici > Storia di un pinguino mangia-sabbia

Storia di un pinguino mangia-sabbia

Stampa

Un pinguino imperatore ha smarrito il suo branco ed è approdato su una spiaggia della Nuova Zelanda, a migliaia di chilometri dalle coste dove dovrebbe vivere. E...

Gli abitanti di Peka Peka beach , la località dove è approdato,  lo hanno chiamato Happy Feet . È un pinguino imperatore che, per motivi sconosciuti, è arrivato tutto solo su una spiaggia in Nuova Zelanda (si trova a sud est dell'Australia), a ben 4.000 chilometri da casa, l' Antartide . Si pensa che abbia perso la rotta mentre era alla ricerca di cibo e che nuotando, nuotando, sia arrivato fin là. Quando è arrivato era in buone condizioni ma non poteva restare lì, la Nuova Zelanda non è il suo habitat naturale .

 

Un'idea poco brillante

Sfinito dalla lunghissima nuotata Happy Feet era molto assetato e, sostengono i veterinari che lo hanno curato, vedendo la sabbia bagnata sulla spiaggia l'ha istintivamente mangiata scambiandola per neve. I pinguini infatti, si dissetano mangiando il ghiaccio, che poi si fonde nell'organismo idratandolo ed è l'unico liquido che bevono. Il risultato dell'incauto esperimento di Happy Feet è che è finito in sala operatoria, sotto i ferri!

 

Un pinguino in sala operatoria

I veterinari hanno operato Happy Feet con la tecnica dell'endoscopia. In pratica gli hanno aspirato la sabbia, attraverso l'esofago, e lavato lo stomaco.

 

È andato tutto bene e Happy Feet è rimasto in convalescenza tre mesi prima di essere liberato per tornare ai ghiacci antartici. E così questa avventura ha avuto un lieto fine: il pinguino imperatore ha avuto salva la vita è stato curato e nutrito con pesce frullato finché il suo organismo non è guarito completamente.

 

Per saperne di più sul pinguino imperatore leggi la Grande enciclopedia degli Animali di Focus Junior.