Donna Moderna
FocusJunior.it > Animali > Animali selvatici > Quanto vive una zanzara e perché ti punge?

Quanto vive una zanzara e perché ti punge?

Stampa

Sono gli incubi ronzanti di ogni estate. Ma perché le zanzare ci pungono e ci fanno grattare così tanto? Scoprilo con Focus Junior!

Se un uomo comune, che vive in media un'ottantina d'anni, fosse una zanzara, sarebbe più sopportabile per noi perché ci pungerebbe davvero ogni tanto. Ma se la tua vita è breve, e sai che lo è, tutto è fatto a grande velocità. E accade che, se sei una zanzara, mi tempesterai di punture con grande frequenza lasciandomi dolori, gonfiori e poca allegria...

VITA CORTA MA INTENSA

Le zanzare, infatti, non vivono né quanto gli uomini né quanto altri insetti come le termiti o le cicale, che possono vivere più di 30 anni le prime e più di 15 anni le seconde. Le zanzare vivono pochi giorni, o al massimo alcuni mesi se trovano condizioni climatiche e ambientali favorevoli.

Una cosa in comune con noi però la mantengono: odiano il grande caldo e il grande freddo, tanto che d'autunno e d'inverno, per vivere di più, si rifugiano al calduccio di qualche casa e lì aspettano i primi caldi della primavera per massacrare di punture gli sfortunati padroni di tali abitazioni.

Diciamo che, all'incirca, le zanzare più comuni (le culex pipiens) vivono dalle due settimane ai quattro-cinque mesi. Se si trovano in un ambiente molto caldo, vivono meno; se si trovano in un ambiente temperato, vivono di più.

CHI PUNGE? LE FEMMINE

E comunque, cari maschietti, a vivere di più sono le zanzare femmina, che sono poi quelle che pungono. I maschi muoiono quando si accoppiano e non pungono. Che vita grama... Le zanzare tigre, una delle 3.500 specie di zanzare che più ci assillano con le loro punture, se trovano una casa calda possono vivere anche un anno.

Insomma, in tutti i casi le zanzare vivono poco, ma abbastanza per pungerci e farci piuttosto male.

Un esemplare di zanzara tigre, una delle specie più "cattive"! | Pixabay

PERCHÈ CI PUNGONO?

Esclusivamente a fini riproduttivi. La zanzara femmina ha bisogno del sangue per far sviluppare le proprie gonadi, che sono le ghiandole che producono le uova. Pensate che alcune zanzare possono succhiare anche 4 milligrammi di sangue al giorno, più del suo stesso peso.

E perché una puntura provoca fastidio?

Perché le zanzare femmine, per poter succhiare meglio il sangue, durante la puntura espelle una sostanza che ci provoca irritazione, prurito e gonfiore.

I BERSAGLI PREFERITI

Ma chi pungono? Eh bhe, qui la situazione si fa complicata e siamo tutti a rischio, cari miei!

Fate tanto esercizio fisico e producete quindi acido lattico? Piacete alle zanzare. Avete gruppo sanguigno “0”? Piacete alle zanzare. Tutti respiriamo, e alle zanzare piace la nostra anidride carbonica e la fiutano ad oltre 150 metri. La vostra pelle è piena di batteri? Innanzitutto fate qualcosa per sconfiggerli, perché le zanzare vi pungeranno soprattutto i piedi e le caviglie. Bevete alcolici? La vostra temperatura corporea aumenta e le zanzare sono lì pronte.  Donne, siete in stato interessante? Producete più anidride carbonica dal vostro respiro e avete la temperatura del corpo più alta: fatevi il segno della croce quando vedete nei paraggi una zanzara. Meglio che vi vestiate di bianco, perché se indossate colori scuri o il rosso, preparare a vostra insaputa un delizioso banchetto per le zanzare. Sudi più della media? Le zanzare incombono! Possiedi alte concentrazioni di colesterolo e ormoni sulla pelle? Allora benvenute zanzare!

FONTI: Focus,  Sapere.it,  Scienze-Naturali.com