Donna Moderna
FocusJunior.it > Animali > Animali selvatici > Lo squalo Mary Lee è diventata una star dei Social!

Lo squalo Mary Lee è diventata una star dei Social!

Stampa
Lo squalo Mary Lee è diventata una star dei Social!
Ipa-agency.com

Assidua frequentatrice delle acque più "cool" d'America, lo squalo bianco Mary Lee è diventata famosa sul web grazie a un'app e a un profilo Twitter che ne ne mostrano gli spostamenti in giro per l'oceano

Gatti coccolosi e cagnolini dagli occhi dolci scansatevi, la nuova star del web è lo squalo Mary Lee!

Mary Lee è una femmina di squalo bianco che ha cominciato a frequentare le coste dell'America orientale (molto in voga tra i Vip) e che ha fatto fatto riscoprire agli americani l'amore per questi antichissimi predatori del mare.

 

Una star "insaziabile"!

L'avventura "social" di Mary Lee è iniziata nel 2012, quando venne catturata dagli operatori di Oceareach, un'associazione di tutela dell'ambiente marino, che le impiantarono un microchip per seguirne gli spostamenti. 

Dal giorno del rilascio, Mary Lee è stata costantemente tenuta d'occhio da una macchia elettronica che invia un segnale via satellite ogni qual volta la "squalessa" emerge in superficie.

Oceareach ha quindi dedicato alle peregrinazioni di Mary Lee un'app e perfino un profilo Twittertrasformandola nello squalo più famoso della storia.

La rivincita del pescecane!

Con i suoi cinque metri di lunghezza, i denti aguzzi ed un appetito insaziabile, Mary Lee non è proprio il primo animale che vorremo incontrare durante una nuotata nell'oceano, ma il fondatore di Oceareach Chris Fischer spera che la fama virale di questo esemplare possa contribuire a "ripulire" la pessima fama che in questi anni ha perseguitato squali bianchi.

Da quando nel 1975 il regista Steven Spielberg uscì nei cinema con lo "Squalo" infatti, gli squali bianchi sono diventati l'incubo dei bagnanti di tutto il mondo, terrorizzati dall'idea di veder affiorare una pinna dall'acqua e trovarsi faccia a faccia con una macchina di morte bramosa di carne umana.

 

In realtà la fama di "mostro mangia-uomini" è smentita dai dati: nella sola America muoiono per annegamento il triplo delle persone in più che vengono attaccate dagli squali in giro per il mondo.

Statisticamente quindi, è molto più probabile andare all'altro mondo perché non si sa nuotare che per un morso di squalo!

 

Certo, lo squalo bianco rimane comunque l'animale più famelico dell'oceano, ma ciò non può bastare per giustificare il drastico calo di popolazione che ha portato la specie sulla soglia del rischio d'estinzionesoprattutto per l'importante ruolo che questi animali giocano all'interno dell'ecosistema.

Se gli squali dovessero sparire infatti, molte delle prede che di norma rientrano nella loro dieta prolifererebbero, cambiando del tutto gli equilibri naturali e facendo sparire nel giro di poco tempo intere specie di pesci e alghe.

ULTIME NEWS