Donna Moderna
FocusJunior.it > Animali > Animali selvatici > Charlotte, “ragnetto” diventato famoso grazie al web

Charlotte, “ragnetto” diventato famoso grazie al web

Stampa
Charlotte, “ragnetto” diventato famoso grazie al web
Facebook

Vi presentiamo Charlotte, un simpatico ragnetto salvato in Australia dalla Barnyard Betty's Rescue, nell'ottobre del 2015. E che è diventato famoso sui social lo scorso fine settimana, grazie alle sue foto... non adatte a chi soffre di aracnofobia!

Vi piacciono i ragni?

Solo l'idea di averne uno che vi passeggia sulla schiena vi fa venire la pelle d'oca? Ecco, allora forse è meglio che chiudiate questo articolo e vi diate a un'altra lettura! :-)

 

Se invece avete intenzione di continuare è perché Charlotte vi sta un po' simpatica, nonostante le dimensioni.

Facciamo un salto indietro. Torniamo alle presentazioni.

Facebook

 

Lei è Charlotte, ragno salvato in Australia nell'ottobre 2015 dalla Barnyard Betty's Rescue.  L'associazione ha deciso di pubblicare ancora una settimana fa la foto di questo "ragnetto" sulla sua pagina Facebook. Si sono assicurati una valangata di "mi piace". Anche se forse alcune persone avrebbero preferito l'opzione "mi fa paura".

 

Ma quanto sei grande, Charlotte?

 

Charlotte è un "huntsman spider", un ragno cacciatore, conosciuto per le dimensioni davvero notevoli. Come scrive sulla pagina Facebook l'associazione che ha salvato Charlotte, non sono stati fatti fotomontaggi. La foto è reale. Charlotte è davvero così grande. 

 

In generale i ragni di questa specie non sono considerati pericolosi. 

E, se non vengono disturbati, sono timidini e non attaccano, anzi, fuggono!

 

 

 

Ecco la traduzione del testo scritto dall'associazione un anno fa

 

"La bella Charlotte è uno dei ragnetti migliori che abbiamo salvato. Per rispondere ad alcune domande: è un ragno huntsman e lo abbiamo trovato nel Queensland, in Australia. Sì, è davvero così grande e questa foto non è stata photoshoppata!

L'ho rilasciata qui nella fattoria dopo averla salvata, quindi non possiamo più fare foto o video di lei, mi spiace.

Era davvero bella, tranquilla e non aggressiva e come la maggior parte dei ragni voleva solo farsi i fatti suoi, mangiare insettini e vivere in pace. Non ha bisogno di essere uccisa!

Poveri ragni, sempre incompresi!"

 

Facebook