Donna Moderna
FocusJunior.it > Animali > Animali selvatici > 10 cose che (forse) non sai sui ragni

10 cose che (forse) non sai sui ragni

Stampa

In tutto il mondo ci sono circa 40.000 specie di ragni: con più di 100 famiglie e vivono in ogni tipo di habitat sulla Terra

Qual è la differenza tra un ragno e un insetto? E come fanno a non rimanere intrappolati nelle proprie tele?

Scopri queste e tante altre curiosità sui... ragni!

 

1- I ragni non sono insetti, questo lo si sa. Ma sapreste riconoscere con sicurezza gli uni dagli altri? Ecco tre indizi: a differenza degli insetti i ragni non hanno le antenne, il corpo è diviso in due parti invece di tre, hanno occhi semplici e non composti. Ma soprattutto, hanno otto zampe anziché sei! Appartengono alla classe zoologica degli aracnidi, che comprende anche i temutissimi scorpioni.

Wikimedia Commons

 

2- Come fanno i ragni a non restare intrappolati nelle loro tele? Intanto, si muovono perlopiù lungo i “raggi” della ragnatela, che sono meno appiccicosi. E poi, hanno zampe ricoperte di minuscoli peli oleosi, con cui riescono a scivolare sui fili come se avessero i pattini.

Wikimedia Commons

 

3- Nel 2009 è stato scoperto l’unico ragno vegetariano finora conosciuto. Si chiama Bagheera kiplingi, vive nei climi tropicali del Sudamerica e del Messico e si nutre di piccole escrescenze che si formano sulle foglie di acacia. Un tipo strano, insomma: non fa neppure la ragnatela!

Wikimedia Commons

4- Le tarantole sono tra i ragni più grandi del mondo. Il Theraphosa blondi, detto Tarantola Golia, è lungo fino 30 cm e può pesare 170 grammi! Mangia insetti, rane e perfino piccoli roditori. Inoltre è dotato di morso velenoso e lancia peli urticanti. Meno male che non si allontana dall'Amazzonia!

Wikimedia Commons

5- La Lycosa tarantula, è un grosso ragno peloso che vive in Italia Meridionale. In Puglia si credeva che il suo morso provocasse una malattia particolare, da cui si poteva guarire solo saltando e ballando all’impazzata: il nome della tarantella viene proprio da qui!

Wikimedia Commons

6- Se andate in Australia potreste incontrare l'Atrax robustus, o ragno dei cunicoli: è un piccoletto di pochi centimetri, ma è tra i ragni più velenosi al mondo. È dotato di due “zanne” (i cheliceri) con cui inietta un mix di neurotossine, in grado di portare un uomo alla morte in poche ore.

Wikimedia Commons

7- La famosa vedova nera (Latrodectus mactans): vive in Nordamerica e si riconosce per una macchia rossa sul corpo nerissimo. È uno dei ragni più pericolosi per l'uomo, ma non deve a questo il suo nome, quanto all'abitudine... di divorare il maschio dopo l'accoppiamento!

Wikimedia Commons

8- Il Caerostris darwini è un piccolo ragno del Madagascar – è lungo solo pochi millimetri - che produce ragnatele enormi: fino a 25 metri di diametro! Ma non basta: il filo con cui le tesse è più resistente del kevlar e anche dell'acciaio.

Wikimedia Commons

9- Invece di tessere la tela e aspettare con pazienza che un insetto ci finisca dentro, come fanno i loro simili, i ragni della famiglia Gnaphosidae preferiscono “sparare” la ragnatela direttamente sulle prede, che restano invischiate. Che Spiderman si sia ispirato loro?

Wikimedia Commons

10- L'Evarcha culicivora, un ragno saltatore del Kenya, potrebbe diventare un'arma contro la malaria. Le sue prede preferite, infatti, sono le zanzare Anopheles gambiae, vettori della malattia, che caccia di preferenza quando hanno appena succhiato sangue. Per questo è detto anche ragno vampiro.

Wikimedia Commons
Vuoi ripassare tutto? Fallo con il nostro video!