Focus.it

FocusJunior.it

FocusJunior.itAnimaliAnimali domestici: cani, gatti e altri petRazze canine: il Labrador Retriever. I consigli dell’esperta

Razze canine: il Labrador Retriever. I consigli dell’esperta

Stampa

Tutte le caratteristiche sul Labrador Retriever: dimensioni, colori, mantello, coda, orecchie e qualche dritta sul suo padrone ideale

Se ti piacciono i cani sarai sicuramente amante del Labrador Retriever: non si può non adorarlo! Tra i più dolci e coccolosi, questi cuccioloni richiedono però attenzioni particolari e sono inoltre molto vivaci. Scopri con noi tutte le sue caratteristiche e se è la razza che fa per te!

Caratteristiche del labrador retriever

Il labrador retriever è una razza di cane che ha origine in Canada. Secondo una leggenda, il comune labrador sarebbe il risultato dell’unione tra un terranova e… una lontra! Ma come mai? Perché questo cane avrebbe tante cose in comune con le lontre: l’amore per l’acqua, le zampe piatte, il pelo impermeabile e il fatto che usino la coda come un timone. I primi esemplari sarebbero apparsi nel XVIII secolo e originariamente erano cani da riporto, da cerca e da acqua. Vediamo più nel dettaglio com’è fatto un labrador.

Dimensioni e taglia

Da 54 a 57 cm al garrese, peso da 27 a 40 kg.

Colori

Nero, giallo e cioccolato.

Mantello

Pelo corto e fitto, non ondulato, il sottopelo è impermeabile.

Coda

Molto larga alla base, si assottiglia in punta, di lunghezza media, senza frange; il pelo è corto e denso che dà un aspetto rotondo, appunto “coda di lontra”.

Orecchie

Triangolari, ricadono contro la testa.

Chi è il proprietario ideale del labrador?

A differenza di quel che si pensa il labrador non è un cane per tutti: si tratta infatti di un retriever, cioè un cane selezionato per la caccia e nello specifico per il riporto. È attivo, con un gran bisogno di fare movimento e con tante energie da spendere. Il proprietario ideale deve essere pronto a soddisfare queste sue esigenze e condividere tempo e vita con il cane: i labrador retriever sono soddisfatti solo se possono lavorare e collaborare con i propri compagni umani. È necessario che si dedichi tempo alla sua educazione, in modo che l’entusiasmo e la gioia di vivere non diventino di difficile gestione (uso eccessivo della bocca, saltare addosso…).
Ah: il proprietario ideale deve amare l’acqua, perché i labrador la adorano e non perderanno una sola occasione per lanciarsi (letteralmente) in pozzanghere, fontane, ruscelli… Sei pronto per divertirti con lui in acqua?

Dove trovare un Labrador Retriever?

Se decidi di accogliere nella tua famiglia un cane di una razza precisa ci sono diverse possibilità:

  • Contattare i RESCUE di razza: puoi cercare su internet la parola “rescue” seguita dal nome della razza del cane che state cercando, per esempio labrador. I RESCUE sono associazioni che danno visibilità a cani di una determinata razza che cercano famiglia.
    Puoi trovare sia cuccioli che adulti e spesso, ma anche l’appoggio di professionisti che ti aiuteranno nella scelta del soggetto più adatto al tuo contesto famigliare.
  • Cerca allevatori seri e scrupolosi, che selezionino poche razze e con pochi soggetti in riproduzione, che svolgano tutti i controlli medici preventivi nei soggetti che desiderano far accoppiare. È importante, al momento dell’acquisto, verificare che i genitori siano stati testati ed esenti da displasia dell’anca, displasia del gomito e oculopatie ereditarie. Inoltre, diffida se l’allevatore ti propone di prendere subito il cucciolo: i piccoli vanno lasciati con la mamma per almeno 60 giorni, e poi affidati a una famiglia tra i 70 e i 90 giorni di vita, vaccinati (al massimo con un richiamo ancora da fare). Negli allevamenti seri e scrupolosi ti sarà permesso fare più visite e individuare il cagnolino più adatto a te, che potrai imparare a conoscere. Inoltre, non dimenticare che i cuccioli devono essere consegnati con libretto sanitario, il microchip,la  certificazione medica e con tutti i documenti in regola per il pedigree. Diffida da chi non ti consegna il pedigree: se non è ancora pronto, l’allevatore dovrà almeno aver avviato le pratiche. La vendita di cuccioli di razza senza pedigree non è permessa.
  • Cerca un privato appassionato della tua razza preferita che abbia una cucciolata da cedere: le regole le stesse degli allevatori. I genitori devono essere in regola dal punto di vista sanitario e i cuccioli devono essere vaccinati, con microchip e pedigree.

Come comportarsi quando il cucciolo arriva a casa

I primi giorni a casa sono davvero importanti: prenditi tutto il tempo necessario per conoscervi e non avere fretta di fare cose. Per il cane è tutto nuovo, voi, l’ambiente e gli odori. Ha bisogno di tempo per fare esperienze, per potersi fidare e per poter elaborare le esperienze fatte.

A seconda del cane scelto e della famiglia che lo adotta sarà necessario preparare la casa per accogliere il nuovo membro della famiglia.

Bisogna organizzare spazi per il cane, mettere in sicurezza tappeti e oggetti particolarmente fragili o preziosi, stabilire in quali ambienti della casa potrà accedere, dove potrà giocare, riposare, interagire con gli altri membri della famiglia. Non lasciarlo subito solo, ha bisogno di abituarsi! Ricordati inoltre che i cuccioli devono fare spesso i loro bisogni, quindi sarà necessario portarlo fuori ogni due ore. E se fa pipì in casa? Niente panico: bisogna pulire senza farsi vedere, usando un detergente apposito che elimina gli odori per fare in modo che non ricapiti!

Se stai cercando un cane come il protagonista di Io & Marley, il labrador retriever è il cane che fa per te!

CATEGORY: 1