Focus.it

FocusJunior.it

FocusJunior.itAnimaliAnimali domestici: cani, gatti e altri petOgni quanto fare il bagno al cane? I consigli del veterinario

Ogni quanto fare il bagno al cane? I consigli del veterinario

Stampa
Ogni quanto fare il bagno al cane? I consigli del veterinario
Shutterstock

In generale, è meglio non lavare il cane più di una volta ogni 20 o 30 giorni, ma la frequenza del bagno dipende da tanti fattori.

La frequenza con cui lavare il cane dipende dal tipo di pelo, da dove vive e dalla sua condizione di salute. È importante lavarlo solo quando davvero necessario come, per esempio, quando il pelo è proprio sporco o... se puzza. Abbiamo chiesto un po' di consigli a Gérard Mangiagalli, veterinario e direttore sanitario della clinica veterinaria europea di Milano.

Quando è meglio lavare il cane

Può capitare che alcuni cani, durante una passeggiata, trovino un “meraviglioso” aroma su cui rotolarsi e la maggior parte delle volte si tratta, per noi, di un tanfo insopportabile: una bella rotolata su un animale in decomposizione può rendere davvero difficoltoso il ritorno in auto con noi! Un bagno, in questo caso, è raccomandato. E anche quando noti che ha polvere o terra sulla pelle.

Anche dopo una giornata di bagni al mare è necessario sciacquare il cane con acqua dolce, per togliere il sale dal pelo, ma non è necessario lavarlo con lo shampoo.

Se si gratta, potrebbe essere un segnale che è proprio il momento di lavarlo, ma potrebbe anche essere un sintomo di alcune problematiche dermatologiche.

Quale shampoo usare

È molto importante, quando fai il bagno al tuo cane, non usare shampoo profumati, assolutamente sgraditi ai cani. Anzi, i profumi possono anche spingere i cani a rotolarsi di più nello sporco nel tentativo di togliersi quello che per loro è un odore chimico molto fastidioso.

È bene scegliere uno shampoo specifico, adatto alla tipologia del pelo e al pH della cute del cane.

In generale, è sempre meglio chiedere un suggerimento al proprio veterinario per scegliere il detergente più indicato: alcuni seppur commercializzati per cani, non sono assolutamente adatti e in caso di irritazioni potrebbero peggiorare la situazione. Se infatti noti pelle secca, squamata, con forfora o con piccole pustole o croste, smetti subito di usare quel prodotto e chiedi il consiglio a un esperto.

Come fare il bagno al cane

Se decidete di lavarlo a casa, organizzatevi in modo da avere tutto a portata di mano e prendete una superficie antiscivolo da inserire nella doccia o nella vasca. Utilizzate acqua tiepida, usate poco shampoo diluito con acqua e sciacquate abbondantemente. Fate attenzione a evitare che l’acqua vada nelle orecchie.

Una volta terminato il lavaggio, coprite velocemente il cane con un asciugamano (consiglio quelli in microfibra) e asciugatelo con il phon. Conclusa l’asciugatura, tenetelo in un ambiente caldo e asciutto per alcune ore, prima di uscire.

Se scegliete di farlo lavare in toelettatura, affidatevi a professionisti del settore e fate un inserimento graduale, in modo che il vostro amico a quattro zampe possa abituarsi pian piano alla persona che si occuperà di questa parte di cura.

Come fare se il cane è malato

Se i cani puzzano, ma non si sono rotolati su “resti non meglio identificati”, è bene parlarne con il veterinario curante per escludere che l’odore sia causato da lieviti o batteri. Il bagno agli animali ammalati dovrà essere concordato con il veterinario curante ed essere effettuato in modo rapido e facendo attenzione agli sbalzi di temperatura.

Nel caso di cane incontinente, potrà essere necessario procedere alla pulizia di alcune zone più volte al giorno: prestate particolare attenzione ai prodotti utilizzati.

Quando fare il bagno al cane per la prima volta

Si può fare il primo bagno al cane solo una volta che ha eseguito tutte le normali vaccinazioni. Dopodiché, i cuccioli sporchi possono essere lavati: attenzione però alle correnti d’aria e a far vivere piacevolmente questo primo incontro con l’acqua, seguendo i loro tempi.

Attenzione all’interazione con alcuni antiparassitari, a seconda dei prodotti scelti devono passare alcuni giorni dopo l’applicazione del trattamento prima di poter lavare il cane.

Allo stesso modo, dopo il lavaggio è necessario attendere alcuni giorni prima di applicare antipulci “spot-on” tra le scapole per garantirne l’efficacia.

Quando non fare il bagno al cane

In generale, sarebbe meglio evitare di fare il bagno al cane più di una volta ogni 20 o 30 giorni, a meno che non ci siano specifiche indicazioni da parte del veterinario. È bene infatti non eccedere con i lavaggi per evitare che il film idrolipidico della pelle dei cani possa essere danneggiato e siano più esposti a parassiti, lieviti e batteri.

 

Questo è uno degli articoli che trovi su Focus Wild n. 156, in edicola dal 26 giugno 2024. Se vuoi ricevere Focus Wild a casa ogni mese, clicca qui e abbonati!

CATEGORY: 1