Donna Moderna
FocusJunior.it > Animali > Animali domestici: cani, gatti e altri pet > Gatti ruffiani e addomesticati già dalla Preistoria. La conferma arriva da uno studio sul Dna

Gatti ruffiani e addomesticati già dalla Preistoria. La conferma arriva da uno studio sul Dna

Stampa
Gatti ruffiani e addomesticati già dalla Preistoria. La conferma arriva da uno studio sul Dna
Pixabay

Uno studio importante ha rintracciato le origini dei gatti domestici nel Neolitico.  E' attestato che fossero... furbacchioni fin dalla Preistoria: che tipi! Nel Medio Oriente e in Egitto, poi, i gatti hanno cominciato a essere accuditi non solo perché esclusivamente cacciatori di topi, ma anche a scopo domestico.

Un importante ricerca pubblicata su "Nature Ecology and Evolution" e realizzata dall'Università di Leuven e dal Royal Belgian Institute of Natural Sciences, fa risalire le origini dei gatti domestici all'epoca della civiltà del Medio Oriente e a quella egizia. I simpatici ed eleganti micioni si sono poi diffusi nel resto del globo circa novemila anni fa.

 

Gatti domestici dall'epoca delle civiltà medio-orientali ed egizie

 

Il paleogenetista italiano Claudio Ottoni ha studiato, a Leuven, il passato dei gatti tramite il Dna, analizzando reperti di circa 200 gatti del Neolitico.

 

"Nelle aree del nord Africa e del Medio Oriente erano già presenti gatti selvatici che iniziarono ad avvicinarsi ai primi insediamenti umani dove veniva sviluppata l'agricoltura, attratti dalla presenza di roditori. I gatti facevano comodo all'uomo: tenevano lontani i topi dai raccolti di grano", ha dichiarato Ottoni durante un'intervista a Repubblica.

 

Secondo Ottoni dalle analisi del Dna mitocondriale sono state individuate due linee: la A per i gatti medio-orientali e la C per gli egiziani. Della C ci sono tracce secondo le quali i gatti cominciavano ad essere accuditi non solo perché erano cacciatori di topi, ma anche a scopo domestico.

 

Gatti ruffiani dai tempi del Neolitico

 

E' in questo modo che i gatti iniziano a fare compagnia agli esseri umani e, secondo il ricercatore italiano, si può dire che anche all'epoca fossero ruffiani, perché il rapporto intimo fra gatto e persone fin dal Neolitico dimostra atteggiamenti di sola utilità per il micio. Infatti, per l'animale, dove c'era gente c'era più cibo a disposizione. Ruffianissimi!

 

Se volete saperne di più, leggete gli approfondimenti sui gatti