Sistema Solare | I pianeti gassosi

 Stampa
gas-giants_1402330730_2099861112

Continua il nostro viaggio all'interno del Sistema Solare: conosciamo oggi i pianeti più distanti dal Sole quali Giove, Saturno, Urano e Nettuno i colossi di gas della nostra porzione di Universo, cioè i pianeti gassosi. Con una rapida sosta sul pianeta nano Plutone.

Abbiamo imparato a conoscere i pianeti terrestri , i più simili alla Terra e i meno distanti dal Sole. Procediamo nell'esplorazione dei luoghi più remoti del nostro sistema planetario.

 

Spingendoci oltre Marte, prima di arrivare a Giove, troviamo la fascia degli asteroidi, una regione di Spazio piena di piccoli oggetti rocciosi di forma irregolare, gli "avanzi" della formazione dei pianeti avvenuta 4,5 miliardi di anni fa . Al di là di questa cintura, troviamo finalmente i giganti del Sistema Solare: eccoli elencati.

 

GIOVE : il quinto pianeta in ordine di distanza dal Sole è così grande che potrebbe facilmente inghiottire 1300 Terre , o occupare quasi la metà dello Spazio che separa la Terra dalla Luna. Immaginatelo come un'enorme palla di gas : non ha una superficie solida ma è composto da una miscela molto fredda (circa  145 °C sotto lo zero )   di  idrogeno ed elio  (il gas dei palloncini). 

Pur essendo gigantesco, gira su se stesso molto velocemente - un giorno, su Giove, dura meno di  10 ore  - e completa un'orbita intorno al Sole in 12 anni terrestri. È flagellato da venti fortissimi (fino a 600 chilometri all'ora: peggio di un tornado) e anche la Grande Macchia Rossa che si vede sulla sua superficie è una gigantesca perturbazione, più grande persino della Terra. Giove ha 63 satelliti conosciuti, i più famosi dei quali (i cosiddetti satelliti medicei) furono scoperti nel 1610 dallo scienziato italiano Galileo Galilei con un cannocchiale. Si chiamano  Io, Europa, Ganimede e Callisto.

 

SATURNO : pur essendo oltre 700 volte più grande della Terra, questo colosso di gas pesa appena 95 volte più del nostro pianeta roccioso. È talmente poco denso che, buttato in acqua, galleggerebbe . Molto distante dal Sole, per completare un'orbita intorno ad esso impiega  29 anni e mezzo . Se possibile, è più inospitale di Giove: su Saturno soffiano venti che raggiungono i 1.800 chilometri orari , e la temperatura media è di -186 °C
Lo conosciamo tutti per le migliaia di anelli di ghiaccio e roccia che lo circondano, sulle cui origini ancora si discute (secondo alcuni, sono i residui della formazione del pianeta). Anche Saturno ha moltissime lune : se ne conoscono, per ora, 62. La maggior parte delle cose che sappiamo su questo pianeta lo dobbiamo alla sonda Cassini-Huygens , una navicella spaziale senza equipaggio che dal 2004 ci manda immagini straordinarie di Saturno e dei suoi satelliti, in particolare Titano , simile, per le sue caratteristiche geologiche, alla Terra delle origini.

 

URANO: si trova a una tale distanza dal Sole (più di 2 miliardi e 800 milioni di chilometri ) che per completare un'orbita intorno ad esso impiega 84 anni , e le sua temperatura è di circa -214 °C . Secondo gli astronomi sarebbe costituito da una miscela ghiacciata di acqua, metano e ammoniaca, mentre il suo nucleo sarebbe roccioso.

Così grande da poter contenere 64 Terre, ha una caratteristica molto particolare: ruota su se stesso come una trottola caduta di lato . Il Sole, quindi, si trova a volte direttamente sui poli, di conseguenza le stagioni durano moltissimo: estate e inverno si protraggono per 21 anni! Ha una spessa atmosfera a base di idrogeno, elio e metano, che lo fa apparire azzurro, ed è stato raggiunto finora da una sola sonda spaziale, la Voyager 2 , che l'ha sorvolato nel 1986.

 

NETTUNO: Molto simile ad Urano, ma ancora più lontano dal Sole (si trova in media a circa 4 miliardi e 500 milioni di chilometri dalla nostra stella) è poco conosciuto perché molto distante. Di esso si sa che è grande come circa 57 Terre, che è gassoso con un nucleo roccioso (come il "gemello" Urano) e che orbita intorno al Sole in circa 165 anni terrestri: nessuno di noi, su Nettuno, potrebbe festeggiare un compleanno! Il colore azzurro intenso - che ha fatto sì che venisse chiamato come la divinità romana del mare - è dovuto al metano presente nella sua atmosfera. Su Nettuno soffiano forti  tempeste, con venti fino a 2.100 chilometri orari, le più violente del Sistema Solare . Ha 13 satelliti conosciuti, il più grande dei quali è Tritone. Come Urano, ha un sistema di anelli, ma più piccolo e meno visibile di quello di Saturno.

 

PLUTONE: lo aggiungiamo qui per comodità, ma Plutone, un mondo distante e semisconosciuto, non fa parte dei giganti gassosi. Più piccolo della Luna, e dalla superficie estremamente fredda ( -230 °C ) e ghiacciata, questo strano corpo celeste impiega 248 anni per completare un'orbita intorno al Sole. Rispetto agli altri pianeti, ha un'orbita molto inclinata,  che interseca quella di Nettuno; per alcuni periodi di tempo, quindi, è più vicino al Sole di quanto lo sia Nettuno. 

 

Compie un giro intorno a se stesso ruotando all'indietro (da est ad ovest) in 6 giorni e 9 ore, e ha una luna, Caronte , di dimensioni simili alle sue, che completa un giro intorno a Plutone nello stesso tempo. Per questo motivo, molti considerano Caronte e Plutone un sistema doppio di pianeti.  Pur essendo così distante dal Sole, è prevalentemente roccioso : per le sue strane caratteristiche, così diverse da quelle degli altri pianeti, nel 2006 Plutone è stato "declassato" da pianeta a pianeta nano . Secondo gli astronomi, potrebbe non essersi formato insieme agli altri pianeti del Sistema Solare ma essere stato "catturato" in un secondo momento dalla loro gravità.

 

Oltre Nettuno si trova la cosiddetta Fascia di Kuiper , una "cintura" di oggetti ghiacciati di piccole dimensioni, forse i residui della nascita dei pianeti, scagliati in questo angolo di Universo dalle interazioni gravitazionali con i pianeti giganti.

 

Un video da non perdere: un affascinante viaggio nel Sistema Solare: 

Altri articoli che forse potrebbero interessarti:
Vieni a conoscere gli altri pianeti del Sistema Solare: quelli terrestri

 

13 Marzo 2017